Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Occupazione a settembre -0,2% sul mese. Crollano assunzioni piccole imprese,-6,7%

redazione

Nelle piccole e micro imprese l’occupazione a settembre è diminuita dello 0,2% rispetto ad agosto mentre risulta in aumento del 2,8% rispetto a settembre 2015 (ma il dato è in calo rispetto al +3,1% registrato ad agosto). E’ quanto emerge dall’Osservatorio sul mercato del lavoro della Cna su un campione di 20.500 imprese che occupano circa 125.000 dipendenti secondo il quale se si guarda alle assunzioni si registra un calo a settembre del 6,7% su base annua. I dati risentono del taglio degli incentivi contributivi sulle assunzioni a tempo indeterminato passati dal 100% del 2015 al 40% attuale. Il rallentamento delle assunzioni a settembre – spiega la Cna – è stato causato da un crollo dei nuovi contratti a tempo indeterminato (-40,9%) mentre le assunzioni a tempo determinato e quelle in apprendistato sono aumentate rispettivamente del 7% e del 24,7%. Nei primi tre trimestri dell’anno le assunzioni complessive sono diminuite del 7,4% rispetto allo stesso periodo del 2015. Nei primi 9 mesi le assunzioni a tempo indeterminato sono diminuite del 39,3% mentre i nuovi contratti a tempo determinato sono cresciuti del 5,6% e quelli di apprendistato del 16,8%. Nei primi nove mesi del 2015 le assunzioni stabili erano cresciute del 5,6% rispetto ai primi nove mesi del 2014. A settembre le cessazioni complessive di contratto sono tornate a crescere (+4,1%) trainate da quelle sui contratti a tempo determinato (+14,4%) e di apprendistato (+10,8%) mentre sono diminuite quelle sui contratti stabili (-2,5%). L’aumento delle cessazioni registrato a settembre è il primo dall’inizio dell’anno. Nei primi nove mesi il numero delle cessazioni complessive si è ridotto del 10,1% rispetto allo stesso periodo del 2015 (-10,6% solo le cessazioni di contratti a tempo indeterminato). Dal dicembre 2014 ad oggi, anche grazie allo sprint degli incentivi, l’occupazione nelle micro e piccole imprese ha registrato un incremento cumulato di 5,4% punti percentuali e dopo la flessione estiva si attesta poco al di sotto del livello di maggio.