Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Obesità, domani doppio appuntamento formativo a Potenza

redazione

La Società Italiana di Dietetica e Nutrizione clinica (ADI) ha individuato il 10 ottobre di ogni anno come la giornata dedicata alla sensibilizzazione nazionale sul tema dell’obesità e delle sue implicazioni. I Centri Obesity Day facenti capo all’Azienda Ospedaliera Regionale “San Carlo”, hanno organizzato due appuntamenti: a Villa D’Agri e a Potenza.  Questa mattina, martedì 9 ottobre, presso l’U.O.C. di Chirurgia Generale dell’Ospedale di Villa d’Agri – Centro di Riferimento Regionale per la Chirurgia Bariatrica – è stata organizzata “Una giornata in Sala Operatoria Chirurgia Bariatrica Laparoscopica 3D in diretta – Open Day per Medici e Infermieri”, organizzata dal direttore del reparto, il dottor Nicola Perrotta. Durante la giornata è stato possibile assistere dal vivo a cinque interventi di Gastrectomia Verticale Parziale Laparoscopica in 3D. Negli intervalli tra le procedure sono state illustrate ai partecipanti (medici e personale infermieristico) le tecniche, le indicazioni chirurgiche e dietetiche da parte di personale del Centro.  Domani, mercoledì 10 ottobre, l’U.O.C. di Malattie Endocrine e del Metabolismo dell’A.O.R. “San Carlo”, organizza un doppio appuntamento: la mattina,dalle ore 9 alle ore 14, presso il Centro Commerciale Iperfutura, via Isca del Pioppo a Potenza, l’allestimento di uno stand informativo con presenza di personale sanitario del reparto. Sarà possibile acquisire materiale informativo, avere un consulto gratuito, pesarsi, misurare la propria circonferenza vita; il pomeriggio, dalle ore 16.30, al Museo Provinciale di Potenza, via Lazio 18, la “conferenza regionale dei centri Obesity Day”. In Italia è in sovrappeso oltre 1 persona su 3 (36%, con preponderanza maschile: 45,5% rispetto al 26,8% nelle donne), obesa 1 su 10 (10%), diabetica più di 1 su 20 (5,5%) e oltre il 66,4% delle persone con diabete di tipo 2 è anche in sovrappeso o obeso. La campagna di questa giornata tende a marcare l’influenza dell’obesità sulla morbilità e sulla mortalità della popolazione poiché comporta la possibile insorgenza di complicanze quali, come già rappresentato il diabete, e inoltre, malattie cardiovascolari, patologie respiratorie ed osteoarticolari. Altresì comporta un maggior rischio di tumori (maggior frequenza per la mammella, endometrio, prostata, colon-retto, esofago, rene, pancreas e complesso testa-collo). Lo scopo è quindi di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’opportunità di mantenere o riottenere un peso adeguato e di seguire un corretto stile di vita, ma anche di sottolineare che la prevenzione e il trattamento dell’obesità, condizione complessa che deriva dall’interazione di fattori genetici, psicologici e ambientali, non può basarsi solo su impegno volontaristico ma necessita di considerazione e integrazione multiplanare. L’Obesity Day vuole affrontare lo stigma sull’obesità per puntare ad: aumentare la consapevolezza dell’impatto dello stigma sul peso e di cosa si può fare al riguardo, per migliorare la qualità di vita delle persone; aumentare il coinvolgimento delle Istituzioni, dei medici, delle persone dei media e incoraggiare l’impegno a considerare la gravità clinica che l’obesità rappresenta; aiutare le persone a superare le barriere che sorgono a causa dello stigma, che può impedire loro di ottenere il trattamento medico.