Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Navighiamo a vista. Mai una crisi istituzionale di questo livello in Italia.

di Lorenzo Peluso.

Mai come adesso; mai. C’è da essere preoccupati per un futuro prossimo incerto e delicato per il nostro Paese. Partiamo però dal punto nodale, per provare a comprendere cosa sta succedendo. Nessun veto di Sergio Mattarella verso un governo Lega-M5s, dunque, né verso un singolo ministro, semmai un veto di Matteo Salvini e Luigi Di Maio verso qualunque ipotesi alternativa proposta dal capo dello Stato che potesse sbloccare la crisi e far partire quel Governo politico “del cambiamento” che il presidente ha sempre voluto agevolare. Il Quirinale capovolge la narrazione di questi giorni e delle prossime ore da parte di Lega e Movimento 5 Stelle. Questo il punto di partenza per far luce sugli avvenimenti di queste ultime ore concitate, e per spiegare il fallimento del tentativo di Giuseppe Conte. “Nessuno può sostenere che io abbia ostacolato la formazione del governo che viene definito del cambiamento, al contrario ho accompagnato con attenzione questo tentativo nel rispetto delle regole della Costituzione”. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella parla al termine dell’incontro con Giuseppe Conte. Il presidente del Consiglio incaricato di formare il governo ha rimesso il mandato dopo che il nodo Paolo Savona al ministero dell’Economia non è stato superato. “Ho condiviso e accettatto tutte le proposte tranne quella del ministro dell’Economia” spiega Mattarella. “Ho chiesto un autorevole esponente politico della maggioranza”, aggiunge, “ho registrato con rammarico indisponibilità a ogni altra soluzione”. La situazione, prosegue il capo dello Stato, “ha messo in allarme risparmiatori e investitori italiani e stranieri” portando a un’impennata dello spread che ha creato “rischi concreti per i risparmi dei nostri cittadini e le famiglie italiane”. La decisione di non accettare il ministro dell’Economia, aggiunge, “non l’ho presa a cuor leggero, ora da alcune forze politiche mi si chiede di andare alle elezioni. Prenderò delle decisioni sulla base dell’evoluzione della situazione alle Camere”. Il presidente ha convocato per questa mattina al Quirinale Carlo Cottarelli. La rinuncia di Conte ha aperto una crisi isituzionale senza precedenti, con dure accuse al Colle da Lega, M5s e Fratelli d’Italia. Si valuta da alcuni l’ipotesi di impeachment. Nessun commento dal Quirinale sull’ipotesi di impeachment ventilata da Giorgia Meloni (Fdi) per il capo dello Stato Sergio Mattarella per l’indisponibilità a Savona come ministro dell’Economia. Sull’ipotesi di alto tradimento in base all’articolo 90 della Costituzione, rivelano indiscrezioni, starebbero ragionando anche sul versante M5s. Tuttavia, la Lega non si accoderebbe, al momento, a chi chiede la messa in stato di accusa del presidente della Repubblica. E’ quanto si apprende da fonti del partito di via Bellerio dopo la proposta di impeachment evocata dal Movimento 5 stelle e FdI. Il braccio di ferro su Savona non è stato dunque superato. E’ il nome attorno al quale il Carroccio ha fatto quadrato. Ed è su di lui che Salvini ha messo un punto di non ritorno. Tanto che il leader della Lega ha parlato subito di ritorno al voto.