Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Napoli, Sarri: “Il Feyenoord è una squadra forte”

di Giuseppina Citera

Riscattare la sconfitta della prima giornata contro lo Shakhtar Donetsk: questo l’obiettivo del Napoli, che domani al San Paolo (alle ore 20.45) affronta il Feyenoord. A presentare la sfida, nella consueta stampa di vigilia è stato l’allenatore degli azzurri, Maurizio Sarri.  Si inizia  con una domanda riguardante l’infortunio di Milik, operato questa mattina a Roma a Villa Stuart, che non sarà a disposizione fino a febbraio: “Bisogna fargli gli auguri, stava tornando in condizione ed è stato sfortunatissimo. Il terreno di gioco era indegno e potrebbe essere la causa dell’infortunio”. Poi gli viene chiesto se non sia pentito delle cessioni di Pavoletti e Zapata: “Io non ho venduto nessuno, non sono il direttore sportivo o il presidente. Un altro attaccante sarebbe stato escluso dalla lista Champions e non so con quale testa sarebbe rimasto. Non glielo auguro ma se dovessero infortunarsi Higuain o Icardi le loro squadre sarebbero nelle nostre stesse condizioni”. A proposito degli avversari ha dichiarato: “Il Feyenoord è una squadra forte. I loro esterni hanno qualità, dovremo tenerli lontano dalla nostra area di rigore. Cambierò qualche giocatore rispetto all’ultima partita contro la Spal”. Quando gli chiedono di una possibile riduzione delle squadre che partecipano alla Serie A, si passerebbe eventualmente da 20 a 18, l’allenatore napoletano risponde così: “L’eventuale scelta comporta vantaggi ma anche svantaggi. Ridurrebbe il numero di partite ma allo stesso tempo toglierebbe un sogno a tante piazze e allontanerebbe molti tifosi. Chiosa finale dedicata a Reina: “Sta giocando benissimo, ha subito goal perché non ha visto partire la punizione di Viviani.”Ad accompagnare il tecnico in conferenza stampa, è stato il centrocampista Jorginho: “Siamo molto dispiaciuti per Milik, ma purtroppo è successo. Questo ci darà una motivazione in più, vogliamo vincere per dedicargli la vittoria. Non sentiamo la pressione perché siamo consapevoli della nostra forza. La mentalità della squadra è cambiata, c’è più convinzione nel voler vincere la gara”. Ecco, invece, le probabili formazioni. Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne. All.: Sarri. Feyenoord (4-3-3): Jones; Diks, van Beek, van der Heijden, Nelom; Amrabat, El Ahmadi, Vilhena; Berghuis, Kramer, Boetius. All. van Bronckhorst