Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Napoli, due iniziative in memoria di Giancarlo Siani

redazione

Una sala della memoria, in un museo, il Pan di Napoli, per ricordare le vittime innocenti della criminalità organizzata. E una Fondazione dedicata a chi, come Giancarlo Siani, dalla camorra è stato ammazzato. E’ così che a 34 anni dalla sua morte sarà ricordato il giornalista de Il Mattino, Siani, ucciso il 23 settembre del 1985. “Già nel 1986, 33 anni fa, nacque l’associazione Giancarlo Siani perché capimmo che subito dovevamo dare una risposta organizzata a questo evento drammatico che ci aveva colpito – dice il fratello Paolo Siani, parlamentare del Pd – dopo tanti anni abbiamo ormai le gambe forti per poter fare una Fondazione. La presiederanno mio figlio Gianmario e mia figlia Ludovica, sono loro che in qualche modo porteranno avanti da oggi in poi questa battaglia in ricordo di uno zio mai conosciuto”.