Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Musica – “Ethnos Festival”, la band Terrakota in concerto a Bacoli

redazione

La ventiduesima edizione di Ethnos, festival internazionale di musica etnica ideato da Gigi Di Luca, arriva a Bacoli. Domenica 24 settembre alle 21, in scena a Villa Ferretti, in via Lucullo, la band portoghese Terrakota (ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili). Un energico ensemble cosmopolita che annulla ogni confine geografico e culturale grazie alla sua musica multilingue: come se il portoghese, il creolo, il wolof, lo spagnolo, l’inglese e l’arabo fossero un solo linguaggio. Un progetto aperto – nato nel 1999 in Burkina Faso – che riunisce insieme diversi popoli, lingue e culture e si batte per un riconoscimento della natura umana universale. Con loro si balla al ritmo di sonorità afrocubane, soukous, samba, musica araba, funk, reggae, chimurenga e musica indiana.  La loro solida identità musicale, sempre nuova anche se ampiamente rodata, si arricchisce continuamente di elementi contemporanei e tradizionali su scala globale. La line up del gruppo comprende Júnior (voce, chitarra, balafon, percussioni),  Sarmento (voce, sax, chitarra, kora), Alex (chitarra, kissange, percussioni), Nataniel Rego (percussioni, cori, steel drum, balano), Francesco Valente (basso, fluto), Marc Planells (sitar, oud, shekere, chitarra, cori) Paulo Cavernas (percussioni, kamelen’goni), Marcio Pinto (batteria, percussioni, cori) e Diana Rego (danza). Oltre al concerto dei Terrakota, la XXII edizione di Ethnos propone fin dal mattino  una serie di visite guidate e itinerari turistici realizzati in collaborazione con l’associazione culturale Misenum. Si inizia alle ore 10 con la visita guidata al museo archeologico dei Campi Flegrei, nel Castello di Baia, scrigno dei molti tesori archeologici ritrovati in questa terra ardente per il vulcanesimo ma anche per la storia e l’archeologia. Si prosegue alle ore 12.30 con la visita alla Piscina Mirabilis, la più imponente cisterna romana mai portata alla luce e fiore all’occhiello dell’intera area flegrea. Alle 15 si passa al Parco Vanvitelliano del Fusaro , riserva di caccia e di pesca dei Borbone. Infine, alle 16.30, visita al Parco Nazionale delle terme di Baia. Per partecipare alle visite guidate, ad accesso gratuito, è necessario prenotarsi sul sito festivalethnos.it