Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Mercati – Spread Btp-Bund poco mosso a 210 punti

redazione

Lo spread tra Btp-Bund è poco mosso questa mattina. Nel giorno delle comunicazioni del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in Senato, il differenziale tra i titoli di Stato ondeggia sui 210 punti base, livello già toccato nella giornata di ieri. Il tasso di rendimento del decennale italiano è all’1,44%. Avvio di seduta negativo per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib cede lo 0,2% a 20.676 punti. Nei primi scambi della mattinata l’euro riguadagna un po’ del terreno perso nella giornata di ieri. La moneta unica europea vale 1,1086 dollari (contro 1,1078 dollari segnati dopo la chiusura di Wall Street ieri sera). Stabile invece rispetto allo yen a 118,05. L’oro frena dopo il picco a 1.535 dollari toccato la scorsa settimana. Il metallo prezioso con consegna immediata ha perso ieri l’1,2% e si mantiene oggi sotto la soglia dei 1.500 dollari l’oncia, a 1.496,35 dollari. Le attese degli investitori sono tutte per l’appuntamento di venerdì dei banchieri centrali a Jackson Hole, dove potrebbero essere annunciate nuove misure di stimolo all’economia. Il prezzo del petrolio Wti rimane sostanzialmente stabile dopo l’aumento di 1,34 dollari registrato ieri, assestandosi a 56,21 dollari al barile. Salgono ancora, ma di appena 5 centesimi, invece le quotazioni del Brent, ormai prossimo ai 60 dollari. Il greggio di riferimento europeo, che ieri ha segnato un aumento dell’1,9%, costa 59,79 dollari al barile. Seduta positiva per le principali Borse di Asia e Pacifico, nel giorno in cui la governatrice di Hong Kong Carrie Lam ha annunciato una “piattaforma di dialogo” per rispondere alle proteste anti-governative in corso da due mesi e mezzo, mossa che può aiutare il dialogo tra Usa e Cina sui dazi. Tokyo ha guadagnato lo 0,55%, Taiwan lo 0,32%, Seul l’1,11% e Sidney l’1,2%. Contrastate Hong Kong (+0,1%) e Shanghai (-0,13%), ancora aperte insieme a Mumbai (-0,2%). Positivi i futures sull’Europa e su Wall Street dopo il rialzo dei prezzi alla produzione in Germania superiore alle stime (0,1% mese su mese e 1,1% su base annua). In arrivo la produzione edile nell’Ue, mentre i primi dati Usa disponibili sono attesi per domani, con le richieste di mutui, le vendite di case e i verbali dell’ultimo Fomc della Fed. In lieve rialzo il dollaro sia sullo yuan che sullo yen, mentre il greggio Wti sale dello 0,4%. Bene a Tokyo i grandi esportatori Sony (+2,54%), Honda (+1,69%), Toyota (+1,32%).