Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Mercati – Lo Spread Btp/Bund parte a 200 punti.

redazione

Apertura in lieve crescita per lo spread Btp/Bund che sale a quota 200 punti contro i 199 della chiusura di ieri. Il rendimento del decennale italiano è pari al 2,26%. Avvio di seduta invariato per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib si attesta a 20.758 punti. Euro stabile all’avvio della giornata così come la sterlina mentre si guarda alle elezioni in Gran Bretagna. La moneta unica viene scambiata a 1,127 rispetto al dollaro (-0,06%) mentre la sterlina passa di mano a 1,291 (+0,01%). In Asia lo yen è sotto quota 110 (109,38). Le attese per le elezioni in Gran Bretagna e gli sviluppi della situazione in Qatar condizionano il prezzo dell’oro sui mercati che sale a 1292 dollari l’oncia.
Secondo gli analisti il prezzo del metallo, tradizionale bene rifugio in tempi di turbolenze, potrebbe così superare la soglia psicologica dei 1300 dollari a seconda dell’esito del voto nel Regno Unito e dell’inasprirsi della crisi nel Golfo Persico. Il prezzo del petrolio torna sotto la soglia dei 48 dollari al barile sui mercati. Il greggio Wti, in attesa degli sviluppi della situazione in Qatar, segna 47,99 dollari al barile (-0,4%) mentre il Brent arretra a 49,93 dollari (-19 centesimi). Borse asiatiche in cauto rialzo alla vigilia del voto in Gran Bretagna, con un possibile pareggio tra Laburisti e Conservatori, mentre in Germania gli ordini di fabbrica in aprile sono calati oltre le stime (-2,1%). In equilibrio Tokyo (+0,02%) e Taiwan (+0,04%), invariata Sidney, debole Seul (-0,35%), mentre Shanghai ha guadagnato l’1,1%. Ancora aperte Hong Kong (-0,14%) e Mumbai (+0,41%). Negativi i futures sull’Europa, positivi invece su Wall Street, in attesa delle previsioni economiche dell’Ocse, mentre dagli Usa sono attese le richieste di mutui e, a mercati chiusi, le erogazioni di credito al consumo. In rialzo a Tokyo Toshiba (+3,04%), dopo un accordo per il nucleare civile tra Giappone ed India e, sulla scia dell’aumento delle quotazioni dei metalli, gli estratttivo-minerari Mitsubishi material (+2,89%), Toho Zinc (+2,66%) e Japan Steel (+2,6%). Rally a Sidney del telefonico Vocus Group (+21,68%) dopo l’offerta da 1,4 miliardi di euro dell’americana Kkr per rilevarla.