Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Mercati – Lo Spread Btp Bund stabile a 130 punti.

redazione

E’ stabile lo spread tra il Btp e il Bund alle prime battute della giornata sui 130 punti. Il rendimento del titolo decennale italiano è all’1,93%. Le quotazioni dell’euro scendono ai primi scambi sui mercati. La valuta unica europea passa di mano a 1,2256 dollari (1,2264 ieri sera a New York). Lo yen passa di mano a 129,7. Quotazioni dell’oro poco mosse sui mercati asiatici dopo il calo della vigilia: il lingotto con consegna immediata passa di mano a 1.316 dollari l’oncia. Il calo nella settimana di scambi è dello 0,8%  Le quotazioni del petrolio chiudono la settimana in calo con i prezzi del greggio wti con scadenza ad aprile che scivolano sotto i 61 dollari a 60,97 dollari al barile. In recupero il Brent dopo il calo di ieri a 63,9 dollari al barile. Ad incidere sull’andamento i dati sulle scorte e ed il piano sui dazi annunciato dal presidente Usa Donald Trump. Borse asiatiche in difficoltà dopo i dazi annunciati dal presidente Usa Donald Trump sull’acciaio e sull’alluminio. In particolare ha sofferto Tokyo (-2,5%), ma non se la sono vista bene neanche Shanghai (-0,59%), Taiwan (-0,81%), Seul (-1,04%) e Sidney (-0,74%), insieme a Hong Kong (-1,5%) e Mumbai (-0,4%) ancora aperte. Negativi i futures sull’Europa, dopo dati sulle vendite in Germania peggiori delle stime, in attesa del Pil italiano e dell’inflazione europea, mentre sono contrastati i contratti su Wall Street. Dagli Usa sono attesi nel pomeriggio gli indici sulla fiducia economica dell’Università del Michigan. Sulla piazza di Tokyo ha sofferto Nippon Steel-Sumitomo Metal Mining (-3,81%), che insieme ad ArcelorMittal è pronta a rilevare l’indiana Essar Steel, cede il 3,81%. Sotto pressione anche il farmaceutico Chugai (-6,06%), che ha scontato le stime sul 2018 con il calo dei prezzi dei farmaci, Olympus (-4,48%) e Toyota (-2,37%), dopo il rialzo dello yen sul dollaro.