Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Mercati – Lo Spread Btp-Bund poco mosso a 205 punti

redazione

Lo spread tra Btp-Bund è poco mosso questa mattina. Il differenziale tra i titoli di Stato ondeggia sui 205 punti base, livello molto simile a quello di venerdì scorso. Il tasso di rendimento del decennale italiano è all’1,36%. L’oro rallenta la sua corso dopo il picco a 1.535 dollari toccato la scorsa settimana. Euro sostanzialmente stabile nei primi scambi della mattinata. La moneta unica europea vale 1,1095 dollari (contro 1,1092 dollari segnati alla chiusura di Wall Street venerdì sera) e 118,05 yen. Il metallo prezioso con consegna immediata ha perso lo 0,5% scendendo a 1.505,6 dollari l’oncia. Le attese degli investitori sono tutte per l’appuntamento di Jackson Hole, dove venerdì il presidente della Fed Jerome Powell fornirà nuove indicazioni di politica monetaria. Il prezzo del petrolio Wti sale a 55,40 dollari al barile (+1%) dopo l’attacco di un drone a un campo petrolifero in Arabia Saudita. Le tensioni in Medio Oriente spingono anche le quotazioni del Brent che, con un guadagno dell’1,1%, si portano a 59,3 dollari al barile. La settimana dei mercati azionari inizia impostata al rialzo, in attesa di indicazioni dai verbali della riunione di luglio della Fed e del forum annuale a Jackson Hole. Prendono la rincorsa gli indici di riferimento in Cina: Hong Kong guadagna il 2,12%, Shanghai l’1,8% e Shenzen il 2,7%, in parte aiutate dal piano di Pechino di riformare il proprio sistema di tassi d’interesse e di abbassare i costi di finanziamento. Listini in rialzo anche a Tokyo (+0,7%) e Sydney (+0,97%) sulla scia della chiusura positiva a Wall Street venerdì e delle dichiarazioni del presidente Donald Trump sugli scambi commerciali con la Cina.