Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Mercati – Apertura in netto ribasso per lo spread a 141 punti

redazione

Apertura in netto ribasso per lo spread in scia allo scampato pericolo della spallata di Matteo Salvini al Governo Conte dopo la vittoria del candidato del centrosinistra, Stefano Bonaccini, in Emilia-Romagna. Il differenziale tra Btp e Bund crolla in avvio di giornata a 141 punti rispetto ai 157 della chiusura di venerdì. Il rendimento del decennale italiano scende all’1,074%. L’euro è poco mosso in avvio di giornata. La moneta unica vale 1,1034 dollari (in lievissimo aumento dello 0,08%) e 120,34 yen (in positivo dello 0,12%). I prezzi del petrolio sono in picchiata sui mercati internazionali, dominati dal timore di un contagio globale del coronavirus. Il Brent quotato a Londra ha perso fino al 3,3% scendendo a 58,68 dollari per poi risalire sopra i 59 dollari. Il Wti americano è invece indietreggiato del 3,8% arrivando a 52,15 dollari al barile.