Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Lo Spread Btp/Bund a 160,2 punti base. Rendimento all’1,98%

redazione

Spread tra Btp e Bund poco mosso questa mattina in apertura. Il differenziale tra decennale italiano e tedesco è a quota 160,2 punti base, contro i 159 della chiusura di venerdì scorso. Il rendimento si attesta all’1,98%.  L’euro guadagna ancora terreno sul dollaro dopo l’arrivo del nuovo presidente americano Donald Trump che per intanto ha dato poche notizie sui suoi programmi per rafforzare la crescita, mentre ha sollevato timori di una nuova ondata di protezionismo. La divisa europea sale stamani a 1,0744 dollari (aveva chiuso a 1,0696 venerdì sera a Wall Street). L’euro passa di mano poi a 121,77 yen. L’oro sale ai massimi da due mesi. Con il mercato preoccupato delle prossime mosse della nuova amministrazione Trump, il metallo prezioso ha toccato stamani i 1.219,55 dollari, con un rialzo dello 0,8%, facendo segnare il livello più alto dal 22 novembre scorso. Petrolio in rialzo questa mattina sui mercati internazionali. Il Wti viene scambiato a 53,14 dollari al barile contro i 52,42 della chiusura di New York di venerdì scorso. Il Brent passa di mano a 55,46 dollari. Le borse asiatiche rimbalzano, guidate dai tecnologici e da Samsung ma Tokyo, mentre lo yen si rafforza, inversamente scivola, per la prima volta dopo quattro sedute in progresso. “Gli investitori di tutto il mondo sono ancora in gran parte attendisti – commentano i gestori – vogliono vedere se le parole di Donald Trump, neo presidente Usa, si traducono in azione”. L’indice MSCI Asia Pacific ha guadagnato lo 0,4%, a Tokyo l’indice Nikkei ha perso l’1,29% mentre Hong Kong è poco variata e Shanghai ha chiuso in rialzo dello 0,44 per cento. Taiwan la migliore con +0,99 per cento.