Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Lo Spread apre stabile a 257,1 punti base

redazione

Apertura stabile per lo spread fra Btp e Bund. Il differenziale segna 257,1 punti, contro i 258 dell’ultima chiusura. Il rendimento del decennale italiano è pari al 2,59%. Avvio stabile per l’euro. La moneta unica europea viene scambiata a 1,1248 dollari. Nei confronti dello yen la moneta unica passa di mano a 125,88. Prezzo dell’oro in lieve calo sui mercati. Il metallo con consegna immediata cede lo 0,17% a 1.272,71 dollari l’oncia. Il prezzo del petrolio si spinge a 66,02 con una variazione per il greggio Wti di +0,72%. Il Brent è a 74,51 dollari (+0,63%). L’aumento dopo che ieri l’amministrazione americana di Donald Trump ha imposto lo stop totale all’import di petrolio iraniano, annunciando che il 2 maggio prossimo non rinnovera’ le esenzioni di 180 giorni concesse ad otto Paesi, tra cui l’Italia. Borse di Asia e Pacifico poco mosse mentre le quotazioni del greggio si mantengono ai massimi in 6 mesi, dopo lo stop delle importazioni dall’Iran imposto dall’amministrazione Usa ai paesi alleati, e con gli investitori che attendono l’avvio della stagione delle trimestrali aziendali e guardano all’evoluzione dell’economia americana. Tokyo segna un +0,19%, Hong Kong un +0,09%, Seul un +0,22% con Samsung sotto la lente dopo la decisione di posticipare il lancio del suo Galaxy Fold. Deboli Shanghai (-0,08%) e Shenzhen (-0,71%). Sotto pressione il Colombo Alla Share Index dopo la strage di Pasqua con 310 vittime. Per la Borsa dello Sri Lanka è la peggiore seduta (-2,4%) dell’anno. Attesi in positivo i listini europei dopo le festività pasquali e con pochi dati macro in agenda. Più ampio il quadro dagli Usa con le vendite di nuove abitazioni e soprattutto il dato sulle scorte settimanali di petrolio.