Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

L’incubo delle vacanze e’ sempre lo stesso: i ladri a casa.

redazione

Si calcola che, ad agosto, sono 20 milioni gli italiani che partono per le vacanze. E con le partenze tornano ad affacciarsi i timori estivi. Secondo una indagine di Kingston Digital Europe l’incubo del vacanziero è sempre lo stesso: il 71% degli intervistati si dichiara piuttosto preoccupato all’idea di lasciare la propria abitazione incustodita, mentre per il 21% questo è un timore ricorrente, che non sempre fa vivere le vacanze con spensieratezza. L’unica – magra – consolazione: in caso di infrazioni da parte di malintenzionati, non ci si troverebbe faccia a faccia con questi (82%). Non è un caso quindi se il 57% sta pensando di installare un sistema di videosorveglianza con cui verificare, da remoto, quello che accade dentro l’abitazione, mentre il 33% ha già provveduto a dotare l’abitazione di una o più videocamere di sicurezza. Solo il 10% al momento non è intenzionato a seguire questa strada, convinto che la mania del controllo a distanza gli metta più ansia che altro. Il 68% afferma invece che, controllare la situazione a casa dal proprio smartphone, è rassicurante. Dall’indagine emerge anche che la caratteristica più importante per un sistema di videosorveglianza è la capacità di ripresa e memorizzazione sul lungo termine (36%), in grado di registrare e mantenere in archivio i filmati per tutto il tempo necessario, l’ottima qualità di ripresa video (32%) per una facile identificazione dei presunti colpevoli e, infine, un’interfaccia intuitiva per la visualizzazione da dispositivi mobile (22%). L’eventualità che proprio le sequenze video relative al momento in cui si è verificata un’infrazione risultino non visualizzabili o compromesse preoccupa il 64% degli intervistati, che ritiene quindi fondamentale poter contare su supporti di archiviazione più che affidabili.