Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Libia – Il generale Haftar lascia Mosca senza firmare l’accordo

redazione

Il maresciallo Khalifa Haftar ha lasciato Mosca senza firmare l’accordo di cessate il fuoco con il governo di accordo nazionale (GNA) guidato da Fayezal-Sarraj. Lo riporta RIA Novosti, che cita una sua fonte. Haftar ha affermato, secondo Al Arabiya, che il documento proposto ignora molte richieste dell’esercito nazionale libico.  Il primo ministro del governo di accordo nazionale libico, Fayez al-Sarraj, ieri ha firmato l’accordo per un cessate il fuoco in Libia. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu nel corso di una conferenza stampa a Mosca. Il generale Khalifa Haftar, capo dell’autoproclamato Esercito nazionale libico, ha invece deciso di non firmare subito ma ha chiesto tempo fino a questa mattina per decidere a riguardo. Tra i punti in discussione lo stop all’invio di truppe turche in Libia, un cessate il fuoco sotto la supervisione della Russia e delle Nazioni Unite, il ritiro delle reciproche milizie nelle caserme e una soluzione politica.  L’autoproclamato Esercito nazionale libico del generale Khalifa Haftar ”rifiuta qualsiasi presenza turca nelle operazioni di monitoraggio della tregua”. “Il documento messo a punto dalla Russia e dalla Turchia” sulla tregua in Libia “è buono e equilibrato e noi lo abbiamo firmato. Ma Haftar non accetta il testo” perché non vuole ritirare le truppe. Lo dice l’ambasciatore libico presso l’Ue Hafed Gaddur che fa parte della delegazione del premier libico Sarraj a Mosca. “Ora Haftar ha preso tempo fino a domani mattina: se non firma tutto il mondo saprà chi non vuole la pace in Libia”, aggiunge Gaddur spiegando che la delegazione di Tripoli sta lasciando Mosca. Il documento, ha confermato Gaddur, è stato firmato da Fayez al-Sarraj e dal presidente dell’alto consiglio di stato, Khaled al-Mishri. Mentre Haftar e il presidente del parlamento trasferito a Tobruk, Agila Saleh, hanno chiesto tempo fino a domani mattina e quindi sono rimasti a Mosca.