Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Lettere al giornale. L’invito al governatore De Luca.

di Teresa Pascale

Riceviamo e pubblichiamo, la lettera aperta al governatore della Campania, Vincenzo De Luca, della nostra lettrice, consigliere comunale a Polla (SA), Teresa Pascale.

Caro Governatore,

l’aspettavo sabato a Polla per dirglielo personalmente. La sua gradita visita è stata rinviata,spero a presto,mi farà piacere rivederla nel Vallo di Diano , territorio a lei caro sin da giovane età. Caro Presidente De Luca il SSN in Italia dal lontano 1979 (legge 833) ha subito ,a volte, deleteri rimaneggiamenti. D’allora a oggi . sinceramente ,ho assistito ad un lento declino di uno dei Sistema Sanitario più bello al mondo. Caro Presidente io conosco bene che in Regione Campania lei uno dei problemi più gravi da risolvere che ha è quello della Sanità,(Piano di Rientro,Riduzione di risorse etc.etc.) La Sanità non è più la stessa in tutto il Paese. Sopra accennavo a ‘’rimaneggiamenti deleteri’’,il peggiore è arrivato direttamente dal Ministero della Salute,quando circa 20 anni fa con un colpo di spugna si abolì l’esame d’idoneità per Primari Medici ,ora chiamati Dirigenti di Struttura Complessa. Fu un colpo d’ascia alla Sanità Pubblica ,devastante, nei reparti incominciarono a sfilare spesso ignorantoni, sfaticati, presuntuosi, lecchini, con poche competenza nella Specialistica a cui erano preposti. Riabilitare un esame selettivo Ministeriale sarebbe una panacea per riavere medici competenti ai posti giusti. Ho un affetto per le centinaia di migliaia d’infermieri che ogni giorno si spendono con amore,professionalità,abnegazione come ad esempio l’infermiere di Vallo della Lucania che pochi giorni fa è rimasto vittima di un malore serio alla fine di un turno notturno. Sinceramente non sopporto diligenti infermieri tenuti fuori dai reparti a espletare compiti che nulla hanno a che fare con l’assistenza . Non sono invalidi,non sono anziani,sinceramente non so cosa fanno,le loro lauree,master li hanno presi per finire dietro una scrivania,ma il posto ‘’FISSO’’lo hanno preso per fare gli infermieri E’ notizia di pochi giorni fa :la Germania offre lavoro per 4500 euro al mese a Medici campani ancora specializzandi. Alt ,Governatore,non li faccia partire,l’unica soluzione che ha per salvare la Sanità in Campania è quella di aprire le porte degli Ospedali ,previa selezione ,alle centinaia di giovani e bravi medici,parcheggiati a sgobbare in Cliniche Universitarie,dirette da baroni.Questi medici hanno circa 30 anni, grazie alle loro competenza e voglia di lavorare apporterebbero quel giusto entusiasmo in reparti e servizi sanitari per ridurre liste d’attesa,apertura mentale a novità terapeutiche e tecniche chirurgiche,insomma per ritornare ad avere un SSN efficiente come quello degli anni 80. Dimenticavo tenga più a bada altri Dirigenti delle Asl Campane,troppi sprechi inutili. Caro Governatore fido in lei,nella sua intelligenza,nelle sue capacità politiche e amministrativa, faccia tesoro di questi miei modestissimi suggerimenti, le giuro sono frutto di 45 anni di vita trascorsi felicemente in Sanità.