Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

La Svizzera la terra dove si può morire. Ciao Davide.

di Lorenzo Peluso.

E’ la Svizzera la terra dove si può morire, in pace. Dopo Dj Fabo ora anche Davide Trentini. Davide  è morto. L’ex barista 53enne malato di sclerosi multipla aveva scelto l’eutanasia in una struttura svizzera dove era stato accompagnato dall’Associazione Coscioni per la “dolce morte”.  Davide lavorava in una città toscana quando, ben 26 anni fa, si ammalò di sclerosi multipla. “Vivere mi fa troppo male”, aveva confessato lo scorso dicembre in un’intervista a ‘Libero’. “Potevano spegnermi una sigaretta addosso – raccontava – darmi una coltellata, ma ero completamente insensibile”. La malattia (che lui chiama “la stronza”), come sempre avviene, si è via via aggravata, finchè pochi mesi fa Davide ha chiesto alla madre 73enne di aiutarlo a farla finita. La donna ha scritto a una clinica svizzera, ma ha scoperto che la “dolce morte” ha un prezzo non solo umano, ma anche economico: per l’esattezza 9.500 euro, troppi. è allora che Davide ha chiesto aiuto al sito soseutanasialegale.it, gestito da Marco Cappato, Mina Welby e Gustavo Fraticelli. Sono loro ad aiutarlo a trovare i soldi necessari, e a organizzare il viaggio, proprio come fecero con dj Fabo. La partenza insieme a Mina Welby verso quello che lui considera un sollievo: “Ho dolori 24 ore al giorno – aveva detto Davide – qualsiasi movimento, anche il più piccolo, mi procura sofferenze atroci”. E concludeva: “Per me il viaggio sarà una liberazione. Come un sogno. Come una vacanza. Mi daranno da bere un liquido, e io lo berrò”. Ciao Davide.