Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

La sfida del Conte bis, il taglio del cosiddetto cuneo fiscale.

di Lorenzo Peluso.

Tema cardine del nuovo Governo sarà certo la politica economica. Le tasse, quelle che tutti dicono di voler abbassare e che i cittadini aspettano da tempo. Nel nuovo programma di lavoro del Conte bis  le linee programmatiche che il presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte ha definito metteno al primo posto la riduzione delle “tasse sul lavoro a vantaggio dei lavoratori” – cioè il taglio del cosiddetto cuneo fiscale. Il cuneo fiscale (in inglese Tax wedge) è definito dall’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) come «il rapporto tra l’ammontare delle tasse pagate da un singolo lavoratore medio (una persona single con guadagni nella media e senza figli) e il corrispondente costo totale del lavoro per il datore». Nella definizione dell’Ocse sono comprese oltre alle tasse in senso stretto anche i contributi previdenziali. Quindi se per un datore il costo del lavoratore è pari a 100, il cuneo fiscale rappresenta la porzione di quel costo che non va nelle tasche del dipendente ma nelle casse dello Stato. Nel caso dei contributi, i soldi raccolti dallo Stato vengono poi restituiti al lavoratore sotto forma di pensione (ma, come spiega l’Inps, nel nostro sistema “a ripartizione” sono i lavoratori attualmente in attività a pagare le pensioni che vengono oggi erogate: non è che il pensionato incassi quanto lui stesso ha versato nel corso della propria vita, come se avesse un conto personale e separato presso l’Inps). Secondo il più recente rapporto dell’Ocse Taxing Wages 2019 – pubblicato l’11 aprile 2019 – nel 2018 in Italia la busta paga di un lavoratore medio (circa 30 mila euro lordi) era tassata del 47,9 per cento. Quindi su 100 euro di lordo in busta paga, a un lavoratore italiano medio arriva un netto di 52,1 euro. Quasi la metà. Va ricordato anche che il rapporto dell’Ocse Taxing Wages 2019 contiene anche una classifica dei suoi Stati membri, in base al peso del cuneo fiscale. Andiamo a vedere come si posizionano l’Italia e il resto degli Stati Ue presenti in classifica. L’Italia è terza, con il 47,9 per cento. Davanti ha il Belgio, primo in classifica con un cuneo fiscale (e contributivo) pari al 52,7 per cento, e la Germania con il 49,5 per cento. Subito sotto al podio si trova la Francia, con il 47,6 per cento, appaiata con l’Austria. Seguono poi Ungheria, Repubblica Ceca, Slovenia, Svezia, Lettonia e Finlandia. Gli altri Stati comunitari grandi e medio-grandi sono nettamente più in basso in classifica: la Spagna è sedicesima nella Ue con il 39,6 per cento, la Polonia ventesima con il 35,8 per cento, e il Regno Unito ventitreesimo con il 30,9 per cento. Londra è poi, dei Paesi Ue che sono anche membri dell’Ocse, quello con il cuneo fiscale minore. Insomma sarà una vera impresa quelal della riduzione delle tasse, ma certo è anche una grande sfida che se vinta dal governo rappresenterà la svolta economica per l’Italia. Rimane il dubbio: dove prenderemo i soldi che verranno meno dal taglio delle tasse, per continuare a mantenere l’asset del Paese, visto che la spesa pubblica aumenta di continuo?