Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

La BCC di Buonabitacolo in prima linea per la prevenzione della criminalità.

di Lorenzo Peluso.

gentile firmaNapoli – Presso la sede della Prefettura ieri la sottoscrizione di un Protocollo d’intesa da parte della BCC di Buonabitacolo per la prevenzione della criminalità in banca, in Regione Campania. Un Protocollo siglato da ABI, le prefetture e le banche campane che hanno aderito all’iniziativa. A siglare l’importante intesa, ieri a Napoli, il presidente della BCC di Buonabitacolo, l’avvocato Pasquale Gentile, insieme al direttore generale della BCC Angelo De Luca. Un documento di intesa che consolida la qualità operativa della BCC di Buonabitacolo a livello regionale in tema di sicurezza e controlli. Le banche che hanno aderito infatti, si impegnano, a segnalare alle Forze dell’ordine carenze gravi e imprevedibili delle misure di sicurezza (es. guasto dei sistemi relativi  al controllo degli accessi);  movimenti sospetti di persone all’interno e all’esterno delle dipendenze bancarie;  eccezionali aggravamenti del rischio (es. aumento anomalo giacenze di cassa);  lavori da svolgere durante  l’orario di apertura della dipendenza che inficino l’efficacia delle misure di sicurezza (es. sostituzione di un  sistema di allarme);  altre situazioni particolari di rischio  in cui versano le dipendenze bancarie. Le banche firmatarie del Protocollo si impegnano a valutare il rischio rapina di ciascuna dipendenza e il rischio di attacco alle apparecchiature ATM  aggiornando periodicamente la valutazione, in relazione all’evoluzione dei fenomeni  criminosi e alle eventuali informazioni fornite dalle Forze dell’ordine. Ogni banca si impegna a selezionare sia quantitativamente sia qualitativamente i sistemi di difesa più opportuni in funzione della  valutazione del rischio della singola dipendenza. Queste solo alcune delle indicazioni presenti nel protocollo siglato ieri. In tale contesto la Prefettura promuove Riunioni di coordinamento delle Forze di Polizia o Comitati  Provinciali per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per la trattazione di problematiche inerenti la sicurezza bancaria, anche a seguito di situazioni di particolare criticità che dovessero essere segnalate dalle Forze di Polizia o dalle banche. “Un passo necessario e doveroso, la sottoscrizione di questo Protocollo – ha riferito il Presidente Gentile – al fine di garantire sempre maggiore sicurezza ai nostri clienti ed ai nostri dipendenti, soprattutto un’adesione che va nella direzione di una sempre maggiore collaborazione con la Prefettura e le Forze dell’ordine. La criminalità si combatte su tutti i fronti, anche e soprattutto quello finanziario. Non possiamo e non dobbiamo garantire linee d’ombra nei movimenti anomali di capitali di dubbia provenienza. la nostra banca opera su un tessuto sano ed è in questa direzione che vogliamo proseguire per garantire qualità e soprattutto legalità nei territori di nostra competenza” ha concluso il presidente Gentile.