Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Kurdistan – Congelare il referendum e avviare un dialogo con Baghdad.

redazione

Erbil – Il Kurdistan iracheno ha proposto di “congelare i risultati” del referendum sull’indipendenza, che ha innescato la crisi in atto con Baghdad. Le autorità irachene rivendicano la cancellazione dei risultati del voto come precondizione per qualsiasi negoziato e per rappresaglia hanno preso il controllo di vaste zone di territorio in mano alle forze curde. In un comunicato diffuso nella notte, il governo del Kurdistan ha detto di “proporre al governo e all’opinione pubblica irachena (…) il congelamento dei risultati del referendum (…) e l’avvio di un dialogo aperto tra il governo del Kurdistan e il governo centrale sulla base della Costituzione”. Nel testo in tre punti si propone quindi “un immediato cessate il fuoco e la fine delle operazioni militari nel Kurdistan”, dopo che una trentina di combattenti, tra peshmerga e membri delle forze irachene e forze paramilitari, sono rimasti uccisi nelle operazioni, così come il “ripristino del potere centrale” nelle zone contese, tra cui la ricca provincia di Kirkuk.