Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Johana Gustawsson ospite alla rassegna “SalerNoir Festival le notti di Barliario”

redazione

Alla quinta giornata del “SalerNoir Festival le notti di Barliario”, venerdì 19 aprile arriva l’ospite internazionale. Si tratta di Johana Gustawsson, che dice di sé: “Io sono di Marsiglia, nel Sud della Francia, ma entrambi i miei genitori hanno origini spagnole; il mio nonno materno è nato a Barcellona. I miei parenti spagnoli ora vivono tutti a El Palomar, un piccolo paesino della Comunità Valenciana”. Si può aggiungere che il marito è svedese e che insieme vivono a Londra. Al SalerNoir presenta l’ultimo romanzo, dal titolo “L’emulatore”, edito in Italia da La Corte Editore. La Gustawsson sarà alla Fondazione Menna, Lungomare Trieste 13, venerdì 19 aprile, alle 19. A dialogare con lei ci sarà lo scrittore Antonio Lanzetta. Leggeranno alcuni brani del romanzo, gli attori Cinzia Ugatti e Matteo Amaturo. Nella foresta di Falkenberg, in Svezia, viene ritrovato il corpo di una donna a cui sono stati asportati grossi pezzi di carne all’altezza dei seni, della vita e delle cosce. Le mutilazioni sono identiche a quelle delle vittime di Richard Hemfield, il serial killer che al momento del suo arresto aveva ucciso l’ex compagno di Alexis Castells e che sta scontando la sua pena rinchiuso in un ospedale psichiatrico da ormai dieci anni. Pochi giorni dopo un’altra donna viene rapita, questa volta a Londra: si tratta della celebre attrice Julianne Bell. Un altro indizio riporta la firma di Hemfield: le scarpe della vittima vengono lasciate vicino a casa sua, in una busta di plastica, con un paio di calzini accuratamente ripiegati. Come può essere possibile? Emily e Alexis, insieme alla detective incaricata di condurre le indagini, Karla Hansen, hanno pochi giorni per riuscire a catturare il colpevole e trovare Julianne ancora viva. Un nuovo tuffo nel passato le aspetta, che le porterà a esplorare legami famigliari profondi e oscuri, fino ad affondare le radici della ricerca della verità nella Londra del 1888, a Whitechapel, sulle tracce e nei vicoli solcati da “Jack Lo Squartatore”. Il “SalerNoir Festival le notti di Barliario” è alla sua quinta edizione ed è organizzato dall’associazione “Porto delle Nebbie” con l’associazione “Amici Fondazione Menna”, col contributo e la collaborazione della Fondazione Carisal e del Comune di Salerno, e con la partecipazione delle associazioni Tempi Moderni, Salerno Attiva, Art.3 e Time Off, dell’Ordine dei Giornalisti, della Fondazione Menna, della libreria Feltrinelli e de Il Mattino.