Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Inflazione – Nel paniere Istat entrano cibi vegani, centrifughe e smartwatch

redazione

Cibi vegani, centrifughe e smartwatch nel paniere Istat per il 2017. Addio alle videocamere tradizionali sostituite dall’action camera. Sono queste alcune delle novità dell’elenco dei prodotti di largo consumo e dei servizi di riferimento per il calcolo dell’inflazione. Nel 2017 entrano nel paniere dell’Istituto di statistica 12 nuovi beni e servizi: i preparati di carne da cuocere, i preparati vegetariani e/o vegani, i centrifugati di frutta e/o verdura al bar, la birra artigianale, gli smartwatch, i dispositivi da polso per attività sportive, le soundbar (barre amplificatrici di suoni), l’action camera, le cartucce a getto d’inchiostro, le asciugatrici, le centrifughe e i servizi assicurativi connessi all’abitazione. Escono dal paniere le videocamere tradizionali (sostituite dall’action camera). Per ampliare la copertura degli aggregati di consumo nel paniere 2017 figurano inoltre: i prodotti elementari radicchio di Verona Igp e radicchio di Chioggia Igp, arricchiscono il segmento di consumo Altri vegetali a foglia e a stelo; i prodotti elementari mele pink lady o cripps pink e zucchine tonde, vanno ad integrare i rispettivi aggregati di prodotto Mele e Zucchine; l’aggregato di prodotto Vegetali in confezione, prima coperto solamente dall’insalata in confezione, si arricchisce dei nuovi prodotti spinaci freschi in confezione e cipolline in confezione, a rappresentare la crescente domanda di prodotti alimentari pronti da consumare; il dermatologo (attività intramuraria), si aggiunge agli altri servizi del segmento di consumo Servizi medici specialistici – pagamento intero; il copripiumino, introdotto a migliore copertura del segmento di consumo Lenzuola, federe e copripiumini. Nella struttura di ponderazione del paniere dell’indice dei prezzi al consumo aggiornata al 2017 aumenta il peso di Trasporti e Abbigliamento e calzature, mentre scende quello di Abitazione, acqua, elettricità e combustibili. La divisione di spesa Prodotti alimentari e bevande analcoliche continua ad avere il peso maggiore nel paniere (16,50%), seguita dai Trasporti (13,93%), dai Servizi ricettivi e di ristorazione (11,49%), e da Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (10,73%). Considerando la tipologia dei prodotti, nel paniere 2017 cresce lievemente il peso dei servizi (da 46,28% a 46,39%) a discapito di quello dei beni (da 53,72% a 53,61%). La ricomposizione è dovuta alla maggiore incidenza dei Servizi relativi ai trasporti e dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona, al calo del peso relativo dei Beni energetici regolamentati e, in misura più contenuta, a quello dei Beni alimentari e dei Tabacchi.