Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

In Bosnia l’omaggio ai 4 militari italiani del “Lyra 34” caduti nel 1992

redazione

Sarajevo – Alle pendici di Monte Zec, nei pressi di Fojnica,  con una semplice ma toccante cerimonia, è stato reso omaggio il 3 settembre ai Caduti del G222  “Lyra 34” dell’Aeronautica Militare, abbattuto il 3 settembre 1992 mentre trasportava aiuti umanitari destinati alla popolazione civile durante l’assedio di Sarajevo. Nel tragico evento persero la vita i quattro membri dell’equipaggio Marco Betti, Marco Rigliaco, Giuseppe Buttaglieri e Giuliano Velardi, Medaglie d’Oro al Valor Militare.  Così si legge in una nota dell’Ambasciata d’Italia a Sarajevo. Presso il monumento che ricorda il loro sacrificio, sito nei pressi del luogo dell’impatto,  l’Incaricato d’Affari dell’Ambasciata d’Italia a Sarajevo Carlo Marcotulli, ha ricordato come il sacrificio dei quattro militari testimoni l’impegno delle forze armate italiane e la collaborazione con le Autorità della Bosnia Erzegovina a favore della pace. Sul posto, si è riunita una rappresentanza del locale Ministero della Difesa, il personale militare italiano che opera presso la Missione EUFOR e il quartier generale NATO di Sarajevo, unitamente a rappresentanti dei due Comandi, il Nunzio Apostolico Arcivescovo Luigi Pezzuto, le autorità della Municipalità di Fojnica e numerosi Addetti per Difesa.  Dopo l’alzabandiera e la deposizione di due corone S.E  il Nunzio ha benedetto il Monumento ed è stata letta la preghiera dell’aviatore.