Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Il futuro dell’Europa passa dalla risoluzione dei problemi nel continente africano

redazione

Padula (SA) – Un successo sabato 10 dicembre la presentazione del libro “Califfato Nero” del giornalista Raffaele Masto. L’iniziativa si è tenuta presso il salone parrocchiale della Chiesa di Sant’Alfonso. Ne hanno discusso don Vincenzo Federico responsabile Caritas della diocesi di Teggiano Policastro; don Vincenzo Gallo Assistente Unitario della Diocesi di Teggiano Policastro; il nostro direttore, il giornalista Lorenzo Peluso; Carmelo Bufano dell’associazione Autorevole Vallo di Diano. Un ottimo moderatore, Giovanni Di Donato alla presenza degli ospiti del Centro Comunità Alloggio per minori di Sassano. In questo primo scorcio di terzo millennio l’Africa conosce un tentativo di penetrazione del terrorismo islamico senza precedenti. Dalla Nigeria alla Somalia, dal Kenya al Mali, le notizie di attentati e di stragi si susseguono senza tregua, dando vita ad una vera e propria guerra di religione. Tra le formazioni protagoniste di questa avanzata, la più sanguinaria ed efferata è la setta nigeriana Boko Haram, che si è macchiata di uno dei più clamorosi misfatti recenti: il rapimento di quasi trecento ragazze a Chibok. Questo evento ha finalmente scosso e mobilitato l’opinione pubblica mondiale tanto che, con lo slogan ‘Bring Back Our Girls’, attori, politici, scienziati e personaggi come Michelle Obama ne hanno chiesto la liberazione. Ma Boko Haram è solo una parte di un fenomeno globale. Accanto ad essa ci sono i somali di Al Shabaab – collegati con il terrorismo mediorientale – e le molte formazioni del Maghreb responsabili dei recentissimi attacchi in Mali e in Burkina Faso. L’obiettivo del terrorismo jihadista in Africa è quello di istituire un califfato nel continente nero sull’esempio di quanto fatto in Siria e in Iraq dall’Isis, a cui molti di questi gruppi hanno aderito. Ma perché proprio oggi questi eventi drammatici stanno squassando aree che mai prima erano state toccate dall’intolleranza confessionale e dall’odio religioso? La storia e l’analisi delle fonti di finanziamento e di reclutamento dimostrano che l’Africa non è più marginale, ma uno scenario aperto nel quale si giocano i prossimi equilibri geostrategici del pianeta. Raffaele Masto – inviato a più riprese in Africa – racconta il fenomeno sulla base dell’esperienza dei suoi viaggi in Nigeria e negli altri paesi interessati, dove ha raccolto storie e testimonianze che fanno luce su uno dei temi internazionali più attuali. L’iniziativa rientra nelle attività Rassegna d’autore “nero su bianco”, 24° incontro culturale promosso da Autorevole Vallo di Diano.