Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Il Carnevale, tradizione e maschere in Italia

di Antonella D'Alto.

Un fine settimana animato da maschere di ogni genere. Grandi e piccini in occasione del Carnevale scendono in strada tra coriandoli e stelle filanti, tutti mascherati, al seguito di colorati e divertenti carri allegorici. Una festa dell’abbondanza che si chiude con il Martedì Grasso, oggi, seguito domani dal mercoledì delle ceneri che segna l’inizio della Quaresima. La data è strettamente legata al calcolo di quella della Pasqua, che quest’anno cade il 21 aprile. Il nome Carnevale invece non si sa esattamente da dove deriva, per alcuni deriverebbe da “car navalis”, il rito della nave sacra portata in processione su un carro; secondo altri le origini del nome sarebbero legate alla locuzione latina “carnem levare”, dunque privarsi della carne, con riferimento all’ultimo banchetto che secondo la tradizione si teneva l’ultimo giorno prima di entrare nel periodo di Quaresima.
Nel Medioevo il Carnevale era il momento delle grandi scorpacciate, delle lunghe danze, era concesso essere folli, e si invertivano i ruoli sociali, per cui uomini si vestivano da donne e viceversa, i poveri da ricchi e quest’ultimi da giullari. Il Carnevale non è solo una tradizione italiana, ma si festeggia in diverse parti del mondo. Famosissimo, tra i più tipici, sfarzosi e significativi, è il Carnevale di Rio de Janeiro che ogni anno attiva migliaia di turisti. Grande festa anche a Colonia in Germania, a Nizza in Francia, in Quebec in Canada, a Santa Cruz in Spagna, a Londra nel Regno Unito e naturalmente tra i più famosi, c’è anche il Carnevale di Venezia, dove quest’anno la prima volta, per il volo dell’Angelo dal Campanile, evento che da’ il via alla festa in maschera, Venezia ha sperimentato il numero chiuso.
Per quanto riguarda le maschere, esse nacquero a Venezia verso la fine del Tredicesimo secolo. Si diffusero in Italia e in Europa e furono adottate dal teatro dell’arte. Le maschere celebrano le tradizioni delle città e delle regioni d’Italia: ad esempio in Piemonte c’è Gianduia, a Bergamo Arlecchino, a Venezia Pantalone e Colombina, a Napoli il meraviglioso Pulcinella, e in Sicilia Peppe Nappa. Tra le tantissime manifestazioni organizzate in tutto il territorio salernitano, ricordiamo il “Carnival show”, promosso dal Comune di Salerno in collaborazione con Coldiretti Salerno e in programma oggi alle 17:30 al Teatro Augusteo. Ci saranno animazione, balli in maschera, bolle, illusionisti, spettacoli di  magia e l’evento sarà anche l’occasione per dare spazio alla sana alimentazione con le mele annurche che i Giovani di Coldiretti distribuiranno a tutti i partecipanti.