Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Il cammino di Renato, dall’Elba al Cervati.

di Lorenzo Peluso

Un camminatore “lento”, alla scoperta della bellezza del nostro Paese. Partito dall’Isola d’Elba, poi la Sardegna, ha già attraversato la Sicilia, poi la Calabria e la Basilicata, da qualche giorno è in Campania. Non poteva certo non arrivare alle falde della vetta più alta della Campania, il Cervati, a Sanza. Renato Frignano, 38enne di Correggio, in Emilia. Ha lasciato il lavoro, da tecnico di un’azienda, ed ha iniziato la sua camminata in solitaria alla scoperta dell’Italia. Ha iniziato il suo cammino in marzo, l’obiettivo è raggiungere Trieste entro la metà di dicembre.  “La bellezza del nostro straordinario Paese è l’incontro con le persone, capire e comprendere la gente, gli usi i costumi. L’accoglienza, l’ospitalità. Poi la bellezza di un paesaggio straordinario, luoghi unici, che si possono vivere solo con il tempo che non ha tempo” ci racconta Renato. Ha piazzato la sua tenda nel giardino di casa Scelta, a Sanza, per qualche giorno. Ha iniziato quindi a conoscere il paese, la gente. In compagnia del suo cucciolo che ha trovato in Calabria e che ha iniziato a seguirlo, non lo molla ma di un passo. Perché affrontare questa sfida? “E perché no? Insomma, la bellezza del viaggio e della scoperta; la bellezza della conoscenza”. Un viaggio che potrebbe diventare presto un libro, forse un documentario, chi lo può sapere. Di certo un’esperienza di vita unica che segna il proprio vivere per sempre. Intanto Renato si prepara a ripartire, con la sua tenda, il suo zaino e la compagnia di questo cucciolo, bianco e dolce, che sembra condividere davvero tutto, di questo ragazzo emiliano, innamorato del nostro Paese. Buon viaggio Renato.