Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

I dati Unioncamere: cresce l’Italia delle imprese, +41 mila

redazione

Accelera la crescita del sistema delle imprese italiane che chiude il 2016 con un saldo di cessazioni-iscrizioni di 41 mila unità (+0,7%), portando il numero delle imprese a 6.073.763. Questo grazie anche alle attività degli under 35 aumentate in un anno del 10,2%: sono oltre 600 mila, 63.646 in più rispetto a dicembre 2015. E’ un’Italia che cambia volto, con più Bed and breakfast e case vacanze (+16%), parrucchieri, estetisti e tatuatori (+23%) e meno imprese edili e manifatturiere. A fotografare il tessuto imprenditoriale nazionale è il rapporto Unioncamere-Infocamere presentato a Padova in occasione dell’assemblea dei presidenti delle Camere di commercio. Un riconoscimento alla città veneta, capitale digitale delle Camere di commercio, dove vengono custoditi e aggiornati in tempo reale i dati delle oltre 6 milioni di imprese; una super piattaforma telematica dove viaggiano 66 milioni di informazioni. ”La crescita dei giovani è stata davvero forte – ha commentato il presidente di Unioncamere Ivan Lo Bello – c’è una loro volontà ad entrato nel mercato e ad essere imprenditori”. Quanto alla mappa geografica le imprese crescono in particolare nelle regioni del sud: con le sue 22.918 nuove unità il Mezzogiorno ha determinato oltre la metà dell’intero saldo annuale, staccando Centro (+13.386 il saldo) e Nordovest (+6.255); in campo negativo il nordest che chiude il bilancio con un riduzione di 1.205 imprese (-0,1%).