Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Giro d’Italia, in palio 1,5 milioni

redazione

Il Giro d’Italia tornerà sabato a Bologna con il suo carico di emozioni, sfide avvincenti, fascino e premi. I corridori in lizza per la maglia rosa, come per le altre maglie o i traguardi volanti, ogni giorno, oltre a ritagliarsi una fetta di gloria, intascheranno lauti compensi. Il montepremi è ricco: in palio ci saranno infatti 1.499.860 euro. Al vincitore della 102/a edizione, che trionferà il 2 giugno nell’Arena di Verona, andranno 115.668 euro; 58.412 euro li intascherà il secondo classificato e 28.801 l’atleta che occuperà il gradino più basso del podio. Ma non è tutto, visto che per i tre corridori piazzati ai primi tre posti vanno aggiunti dei premi speciali: 150 mila euro al vincitore, 75 mila al secondo e 40 mila al terzo classificato. Il vincitore, pertanto, intascherà complessivamente 265.668 euro. Per quanto riguarda i premi giornalieri, invece, in ogni arrivo di tappa verranno messi in palio 27.540 euro, 11.000 dei quali andranno a chi taglierà per primo il traguardo. E le maglie quanto ‘pagheranno’? Indossare quella rosa ‘vale’ 2 mila al giorno, mentre la maglia ciclamino a Verona permette a chi la indosserà di intascare 10 mila euro; 5 mila quella azzurra di miglior scalatore, 10 mila per la maglia bianca di miglior giovane. Al vincitore della classifica dei traguardi volanti andranno 8 mila euro, al vincitore del ‘Premio fuga’ 4 mila; stessa cifra intascherà l’atleta più combattivo del 102/o Giro d’Italia; 5 mila euro, infine, andranno alla squadra che si aggiudica il premio Fair-play.