Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Fisco – La burocrazia costa alle imprese 22 miliardi ogni anno

redazione

Ventidue miliardi l’anno. E’ il mostruoso costo che la burocrazia italiana scarica sulle imprese artigiane, micro, piccole e medie. Per semplificare, mediamente si tratta di 5mila euro l’anno a impresa, 16 euro al giorno, due euro all’ora. Lo certifica una indagine del Centro studi Cna dedicata a ‘Piccole imprese e Pubblica amministrazione: un rapporto (im)possibile’. Indagine condotta su un campione, rappresentativo del settore, di 1.035 imprese associate alla Confederazione (quattro su cinque con meno di dieci addetti) sul modello di un’analoga iniziativa svolta tre anni fa. Lo studio è stato diffuso in occasione di un dibattito sulla riforma della Pubblica amministrazione con la ministra della P.A. Marianna Madia nella sede della Cna. Alti sono gli sprechi di risorse e di tempo. Per compiere tutti gli adempimenti richiesti dalla Pubblica amministrazione, nel 41,3% delle imprese coinvolte si bruciano fino a tre giorni lavorativi al mese, nel 32,2% fino a cinque, nel 9,1% fino a dieci e nel 6,8% oltre dieci, mentre nel 10,7% s’impiega meno di una giornata lavorativa. La consulenza di soggetti esterni è molto diffusa: il 46,5% delle imprese se ne avvale sempre (erano il 61,1% tre anni fa) e il 36,6% spesso (contro il precedente 32,2%). Questo dispendio di tempo, risorse ed energie zavorra il sistema Paese: quasi nove imprese su dieci (l’89,7%) ritengono che la cattiva burocrazia costituisca un ostacolo serio alla competitività.