Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

E’ crisi demografica anche in Cina. Il numero dei nuovi nati continua a calare.

redazione

Nonostante l’allentamento della politica demografica del governo, il numero dei nuovi nati in Cina continua a calare. Nel 2018, secondo quanto ha scritto il Global Times, dovrebbero essere nati due milioni di bambini in meno che nel 2017, per un numero totale inferiore ai 15 milioni. “Sebbene i dati nazionali per le nuove nascite non siano ancora stati pubblicizzati, quelli resi pubblici dai dipartimenti alla salute locali mostrano che il numero dei nuovi nati nel 2018 è calato di almeno il 15 per cento rispetto all’anno precedente”, ha detto il demografo He Yafu al GT.”La popolazione dei nuovi nati – ha continuato – è stata nel 2017 di 17,23 milioni. In base agli attuali calcoli, il numero dei nuovi nati nel paese potrebbe calare di oltre 2 milioni”. E, secondo quanto gli ha rivelato una fonte nella Commissione nazionale della sanità, il dato potrebbe essere inferiore ai 15 milioni. La Cina ha allentato la politica del figlio unico e da tre anni consente alle coppie di avere due figli. L’Ufficio nazionale di statistica cinese dovrebbe diffondere i dati sui nuovi nati entro il mese.

“Il 2018 sarà ricordato come uno storico punto di svolta per la popolazione cinese”, hanno scritto Yi Fuxian e Su Jian, due studiosi critici della politica demografica di Pechino, al South China Morning Post. “La popolazione cinese – hanno proseguito – ha iniziato a calare, i problemi dell’invecchiamanto stanno accelerando, la vitalità economica si è allentata”. Il numero di donne in età tra i 20 e i 39 anni che nel prossimo decennio potrebbe avere figli è di 39 milioni. “Senza l’introduzione di misure per incoraggiare la fertilità, la popolazione della Cina crollerà drasticamente nel futuro”, ha affermato Zhai Zhenwu, presidente dell’Associazione cinese per la popolazione.