Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Disoccupati, arriva il bonus da mille a 5mila euro

redazione

Al via da novembre l’assegno anti-disoccupazione. Da 1.000 fino a 5mila euro, il bonus per la ricollocazione sarà erogato dall’Anpal e sarà tanto più alto quanto più fragile è la posizione del senza lavoro, personalizzato sulla base di un ‘rating’, fissato con un algoritmo e condizionato al reale impegno a trovare un lavoro: niente assegno all’agenzia per l’impiego che non si impegna, niente Naspi al disoccupato che rifiuta un contratto congruo. “Siamo pronti per fare partire già questo mese la fase sperimentale, mettendo a disposizione un primo blocco di circa 30mila assegni da offrire su tutto il territorio nazionale per poi estenderlo a tutti i richiedenti nella prima parte del 2017”, annuncia all’Adnkronos Maurizio Del Conte, presidente della neonata Agenzia per le politiche attive per il lavoro, sottolineando come si tratti della “prima vera misura di politica attiva nazionale”. Nella fase sperimentale la scelta dei disoccupati ai quali verrà offerto il bonus avviene con metodi statistici, con un sistema ovviamente randomizzato che potrebbe suscitare qualche polemica, ma è garanzia di non discriminatorietà. L’assegno, spendibile entro 12 mesi, va all’operatore (agenzie di impiego ecc.) che lo potrà incassare solo se colloca il disoccupato. Questi a sua volta incorre in sanzioni se rifiuta offerte di lavoro valide, dall’erosione della Naspi fino alla revoca. Il tutto con l’obiettivo di superare il concetto di sussidi passivi e favorire la ricollocazione. Una volta a regime il sistema funzionerà così: sul sito dell’Anpal (che sarà attivato a breve e prenderà il posto di ‘Cliclavoro’) il disoccupato con almeno 4 mesi di Naspi effettua online la Did, dichiarazione di immediata disponibilità, e inserisce tutte le informazioni necessarie per stilare il suo profilo, dalla scolarizzazione, alle competenze, area geografica, durata disoccupazione, tra le altre. Qui un algoritmo elabora in automatico il profilo occupazionale, il profiling appunto, un indicatore di distanza dal mercato del lavoro che si riassume con un numero da 0 a 1 che gli dà diritto all’assegno di ricollocazione. Quindi per esempio chi segna uno ‘score’ di 0,5 ha il 50% delle possibilità di trovare lavoro, chi segna 1 avrà l’assegno più alto (5mila euro), chi segna 0 quello più basso (mille) e nel mezzo tutti i decimali possibili a cui corrisponde dunque una diversa entità dell’assegno entro la forchetta 1.000-5.000. “Più alta è la distanza del disoccupato dal mercato del lavoro, più alto sarà l’assegno e quindi l’aiuto a rientrare nel mercato”, commenta il giuslavorista. “Una rivoluzione culturale, un cambio di prospettiva – conclude Del Conte – una volta il futuro di chi restava senza lavoro erano gli ammortizzatori, oggi è cercare un nuovo posto di lavoro”. Settecentotrenta milioni di fondi Ue da destinare alle decontribuzioni mirate per giovani e Sud per il 2017 fino a 8mila euro. Il provvedimento, che sarà varato la prossima settimana dall’Agenzia per le politiche attive per il Lavoro che gestisce tali fondi (Anpal), colma parzialmente il mancato intervento in legge di Bilancio per il 2017 reperendo le coperture appunto nei fondi comunitari, in attesa nel 2018 di poter procedere verso un taglio strutturale del cuneo fiscale. “Un super bonus occupazionale da introdurre con un atto amministrativo dell’Agenzia – spiega all’Adnkronos il presidente Anpal Maurizio Del Conte – una misura forte e selettiva per le categorie svantaggiate previste dai fondi comunitari”. I fondi “sono destinati alle imprese che assumono giovani iscritti a Garanzia Giovani o lavoratori di qualunque età al Sud che siano senza lavoro da almeno sei mesi da destinare a decontribuzioni fino a 8.060 euro, come nel 2015”, spiega ancora il giuslavorista. Accusate di dopare il mercato del lavoro, le decontribuzioni sui neoassunti sono state introdotte dal governo a partire dal 2015, poi dimezzate nel 2016 per procedere con l’ultimo decalage nel prossimo anno. Ma alla fine l’intervento per il 2017 non è stato incluso nella Legge di Bilancio attualmente in discussione alla Camera: l’estensione a tutti del decalage sarebbe stata di entità troppo bassa, con il rischio di non rappresentare un incentivo attraente, una misura selettiva rischiava la bocciatura Ue configurandosi come aiuto di stato distorsivo del mercato. da qui il ricorso ai fondi Ue per assicurare continuità alle politiche del governo per il mercato del lavoro completando il triennio di decontribuzioni in vista di un taglio strutturale del cuneo nel 2018.