Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Disguaglianza tra uomini e donne, l’Italia all’82esimo posto in classifica, era 50esima.

redazione

I lenti progressi accumulati in un decennio verso la parità tra i sessi hanno subito una retromarcia nel 2017, secondo uno studio del World Economic Forum che segnala un ampliamento del gap di genere. Drammatica la situazione dell’Italia, che precipita in 82esima posizione nella classifica del Wef, dal 50esimo posto dello scorso anno (era 41esima nel 2015) e vede aumentare oltre il 30% la disuguaglianza di genere per la prima volta dal 2014. Negli ultimi anni, e anche nel 2017, sono i paesi nordici a guidare la marcia delle donne verso miglioramenti in una serie di aree, come educazione e salute. Ma il trend globale ha segnato una retromarcia, specialmente sul posto di lavoro, dove una piena uguaglianza di genere non sarà possibile fino al 2234, secondo il Global Gender Gap Report. “Un decennio di lenti ma continui progressi sul miglioramento della parità tra i sessi si è fermato nel 2017, e il gap di genere globale si è ampliato per la prima volta da quando nel 2006 il Wef compila il rapporto”. L’organizzazione traccia le disparità tra i sessi in 144 Paesi in quattro aree: educazione, salute, opportunità economiche e rappresentanza politica. L’anno scorso il Wef pronosticava che il gap di genere si sarebbe chiuso tra 83 anni. Intanto l’avanzata delle donne nei settori di educazione, sanità e rappresentanza politica ha rallentato e per il quarto anno di fila l’uguaglianza sul posto di lavoro è diminuita. Il rapporto pubblicato oggi afferma che al ritmo attuale ci vorranno cent’anni per aggiungere la piena parità tra i sessi. Intanto il tempo necessario per la piene uguaglianza su posto di lavoro è passato da 80 anni nel 2014 a 170 lo scorso anno e a 217 anni quest’anno. Più che sul lavoro, le donne sono molto svantaggiate in politica, dove rappresentano solo il 23% dei decision-maker globali. Ma la rappresentanza politica è anche l’area in cui le donne hanno fatto maggiori progressi negli ultimi anni: secondo il Wef ci vorranno 99 anni per colmare il gap. Solo nell’educazione l’uguaglianza di genere è avanzata a grandi passi e tra 13 anni potrebbe arrivare alla parità. Nel complesso i paesi nordici dominano ancora una volta il podio della classifica: vince l’Islanda, seguita da Norvegia e Finlandia. Il Ruanda, da sempre molto attento alla parità tra i sessi, è quarto, seguito dalla Svezia. Nelle prime dieci posizioni ci sono anche Nicaragua, Slovenia, Irlanda, Nuova Zelanda e Filippine. Siria, Pakistan e Yemen sono a fondo classifica. Tra i Paesi del G7 la migliore è la Francia, all’11esima posizione, dalla 17esima dello scorso anno e dal 70esimo posto del 2006. Gli Stati uniti scendono di quattro posizioni al 49esimo posto soprattutto per il calo della rappresentanza politica. Scoraggiante come detto la situazione Italia, dietro a Messico e prima di Myanmar, superata in Europa dalla Grecia, che si piazza 78esima.