Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Dalla Regione Campania 20 milioni alle imprese per efficientamento energetico

redazione

Le imprese campane che intendono realizzare investimenti per l’efficienza energetica e l’utilizzo delle fonti di energia rinnovabile, potranno usufruire di un contributo a fondo perduto concesso dalla Regione Campania con il cofinanziamento di risorse del Por Fesr 2014-2020. Il 3 giugno 2019, sul Burc è stato pubblicato un Avviso che stanzia 20 milioni di euro per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione di piani di investimento aziendali, definiti in seguito ad una diagnosi energetica. In particolare, saranno ammissibili al contributo attività finalizzate all’aumento dell’efficienza energetica nei processi produttivi, l’installazione di impianti di cogenerazione ad alto rendimento, attività finalizzate all’aumento dell’efficienza energetica degli edifici dove si svolge il ciclo produttivo e attività di installazione di impianti a fonti rinnovabili. Il sostegno economico alle imprese verrà concesso sotto forma di contributo in conto capitale a fondo perduto e saranno ammissibili i Piani di investimento aziendale con un importo uguale o superiore a 50mila euro. L’intensità massima di aiuto concedibile sarà pari al 50% delle spese ammissibili e comunque non potrà essere superiore ai 200mila euro così come disposto dalla normativa europea attualmente vigente. Secondo l’assessore regionale alle Attività produttive e Ricerca Scientifica Antonio Marchiello “si tratta di un altro tassello che la Regione pone a favore delle imprese che vorranno efficientare le loro attività, mettendole in condizioni di migliorare, con un significativo contributo finanziario regionale, sia gli impianti che i macchinari”. “Attraverso questo Avviso – ha dichiarato il presidente Vincenzo De Luca – le imprese potranno sia diminuire l’impatto sull’ambiente derivante dalle emissioni climalteranti causate dalle attività produttive, sia ridurre, in modo strutturale, i costi di produzione divenendo, così, più competitive”.