Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Comuni Riciclabili 2019, bandiera gialla per Camerota (SA)

redazione

Il comune di Camerota riceve la consegna della bandiera gialla dei Comuni Ciclabili, un’iniziativa promossa dalla Fiab – Federazione Italiana Amici della Bicicletta, a Palazzo Barbieri di Verona e l’inserimento del comune nella “Guida ai Comuni Ciclabili d’Italia”, dandone così visibilità a livello nazionale. Hanno acquisito il riconoscimento anche San Giovanni a Piro e Castelnuovo Cilento entrambi comuni cilentani. Per il Comune di Camerota, a Verona, quest’oggi, era presente Angela Di Lorenzo, vicepresidente Fiab Camerota – Cilentoinbici Asd. A lei il compito di ritirare l’ambito vessillo. Presente anche l’associazione ‘Sentieri del Cilento’. Angela Di Lorenzo, inoltre, era a Verona anche in rappresentanza dell’associazione nazionale ‘Esperti promotori mobilità ciclistica’, nella quale ricopre il ruolo di coordinatrice della Regione Campania ed è una dei cinque membri del direttivo. La partecipazione alla proposta, costituisce un occasione per promuovere esempi virtuosi stimolando una sana competizione tra le località del territorio e la realizzazione di un progetto che promuove al contempo una mobilità sostenibile  attenta all’ambiente  e una politica per la realizzazione di un comune sempre più accogliente per i residenti e  per i turisti. «Questo riconoscimento è il proseguimento del lavoro avviato l’anno scorso che ci ha visti premiati a Bologna nella prima edizione di Comuni Ciclabili – ha dichiarato il sindaco di Camerota Mario Salvatore Scarpitta -. Un ringraziamento particolare ad Angela Di Lorenzo e alla famiglia Moretti che hanno creduto fin da subito a questo progetto. Si tratta di un’altra nicchia di mercato da conquistare, quella della bicicletta e del turismo sostenibile è una via che Camerota e questa amministrazione stanno già percorrendo. Il nostro Comune, infatti, non è più solo mare, ma tantissime altre cose come la natura, la gastronomia, la dieta Mediterranea, il turismo lento e quel processo di destagionalizzazione che parte anno dopo anno sempre con più forza e decisione». In questo anno di lavoro l’amministrazione ha istituito la “Zona 30” in tutta la frazione Marina, ponendo in questo modo la sua attenzione sugli utenti deboli della strada che sono i pedoni ed i ciclisti; ha deliberato le figure del Mobility e dell’assessore allo Spazio Pubblico Bene Comune, ha promosso iniziative e politiche a favore del Cicloturismo, sensibilizzando le attività alberghiere, favorendo lo sviluppo di servizi inerenti e ricercando un’ identificazione settoriale. Un ruolo importante ha svolto l’associazione Fiab locale, che nella sua collaborazione ha proposto e operato per una visione di mobilità alternativa, proponendo la bici negli spostamenti