Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Ciclismo – Presentate le nazionali italiane per i mondiali di Innsbruck

redazione

La spedizione italiana di ciclismo pronta per affrontare la sfida dei Mondiali su strada. Lunedì 17 settembre il presidente della Federazione ciclistica italiana Renato Di Rocco e i tecnici delle nazionali hanno presentato al 40° piano della Torre Generali i principali componenti delle formazioni che difenderanno i colori italiani nella competizione iridata, in programma a Innsburck (Austria) dal 23 al 30 settembre. Il sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia con delega ai grandi eventi sportivi, Antonio Rossi, ha presenziato all’incontro, insieme al presidente del Coni Lombardia Oreste Perri e ad alcuni atleti. Nell’occasione, l’ex campione olimpico, ha sottolineato il duplice valore dell’evento internazionale, che assomma al rilevante significato sportivo una altrettanto elevata valenza socioeducativa. “Lo sport e la nazionale sono una scuola di vita eccezionale – ha detto il sottosegretario Rossi – la fatica, l’impegno, la costanza, l’onestà sportiva e il rispetto dell’avversario sono alla base dei risultati che hanno portato il coordinatore generale Davide Cassani a effettuare le scelte per le squadre e pongono le basi per risultati che si prospettano come importanti per tutto il movimento”. Nel corso dell’evento è stata presentata anche la nuova livrea delle nazionali di ciclismo. “Indossare la maglia azzurra ha un significato speciale – ha sottolineato Rossi – per un atleta è un motivo d’orgoglio che non ha pari. Per i ragazzi che praticano qualsiasi sport è un sogno che si avvera, ma anche per gli appassionati che osservano i propri campioni faticare, soffrire e talvolta vincere, è motivo d’imitazione. Un simbolo capace di superare qualunque barriera e unire il Paese nella speranza di vivere una grande gioia comune”. In Austria verranno assegnati dieci titoli iridati, tra strada e crono, per le categorie uomini (juniores, under 23 ed elite) e donne (juniores ed elite). Per l’Italia, che quest’anno nel ciclismo ha già conquistato 76 medaglie, già oltre il record di 73 dello scorso anno, le opportunità di incrementare il proprio bottino sono elevate.