Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Champions League – Napoli, Sarri: “Girone tosto, ma vogliamo passare il turno”

di Giuseppina Citera

Domani alle ore 20.45, allo stadio OSK Metalist di Charkiv, andrà in scena la sfida tra lo Shakhtar Donetsk e il Napoli, valido per la prima giornata del girone F della Champions League. A presentare la sfida nella consueta conferenza stampa di vigilia, sono stati l’allenatore Sarri e l’attaccante Milik. Ecco le parole del tecnico toscano: ”In un girone con sei partite, la prima partita condiziona tutte le altre. Lo Shakthar Donetsk è una squadra forte, ha giocatori molto tecnici e quando attacca a pieno organico può farci soffrire. Dovremo sfruttare al meglio le occasioni che ci concederanno. Il nostro obiettivo è superare il girone, ma non sarà facile”. Poi gli viene chiesto del possibile impiego del tridente Callejon – Milik – Mertens e di Hamsik: “E’ una possibilità, possono giocare insieme. Non gli sono dire se domani riposa Insigne. Hamsik? E’ insostituibile perché ha caratteristiche diverse da tutti gli altri centrocampisti”. C’è spazio anche per tornare ad analizzare il successo contro il Bologna: “Tra la mentalità e un pizzico di fortuna la differenza è minima. Mi sono arrabbiato perché non abbiamo giocato bene nel primo tempo, poi abbiamo disputato un discreto secondo tempo. Dobbiamo farlo per tutti i 90 minuti”. Anche Milik si è soffermato sulla gara di domani: “Il girone è tosto, sfideremo la squadra campione d’Olanda e la compagine campione d’Ucraina. La forza del Manchester City la conoscete tutti. In questa competizione tutte le partite sono importanti, faremo di tutto per vincere domani. Sono pronto per giocare, ma decide l’allenatore”. Ecco, invece, le probabili formazioni. Shakhtar Donetsk (4-2-3-1): Pyatov; Srna, Ordets, Rakitskiy, Ismaily; Stepanenko, Fred; Marlos, Kovalenko, Taison; Ferreyra. All.: Paulo Fonseca. Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne. All.: Sarri.