Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

L’opinione

L’azione caritativa e sociale della Chiesa nel medioevo: dalla Cavalleria agli Ordini religiosi militari

Una delle più interessanti e suggestive espressioni della “presenza” del Cristianesimo nella vita medioevale attorno al Mille fu dato dalla Cavalleria, certamente una espressione viva nell’età e nell’ambiente ancora feudale, anche come ìndice di quelle società, pur conservando caratteristiche e tradizioni militari, di derivazione prevalentemente germanica, doveva trasformarsi nel nuovo ambiente ormai europeo e soprattutto decisamente cristianizzato. La Cavalleria è ...

Leggi Articolo »

Medio Oriente in bilico. Hezbollah nel mirino.

Beirut – Sempre, in costante evoluzione, la questione mediorientale ora investe nuovamente il Libano. L’annuncio a sorpresa da parte del primo ministro libanese Saad Hariri  delle sue dimissioni, apre una fase nuova e molo complessa per l’intera area. Non si sono fatte attendere una serie di accuse trasversali all’indirizzo di Hezbollah, ritenuto da molti, l’elemento destabilizzante della politica libanese. In ...

Leggi Articolo »

La questione siriana tra Trump e Putin.

La partita è solo all’inizio. La scacchiera è quella mediorientale. La Russia ha nel mirino gli Stati Uniti e quindi quale occasione migliore della situazione siriana per affondare il coltello nella piaga dell’inutile diplomazia americana impostata da Donald Trump se non la questione siriana? La parola, da Mosca, è passata all’’esercito russo impegnato a Damasco che senza mezzi termini ha ...

Leggi Articolo »

Quel che Trump non ha capito.

La verità è che gli americani lo hanno scelto. Dunque non si può non considerare che l’inquilino della Casa Bianca ha mandato di poter agire, per il popolo americano, su questioni molto complesse e delicate che però, per la loro natura stessa investono anche altri interessi globali. Ed è forse proprio questo che gli americani hanno voluto cambiare dalla precedente ...

Leggi Articolo »

Il dramma di 2 milioni e mezzo di rifugiati dall’Afghanistan.

Non potrà cambiare mai nulla in Afghanistan. E’ questa la convinzione comune tra i più giovani che ora più che mai lasciano il paese degli aquiloni. In fuga dai combattimenti e dagli attentati che ormai sono diventati ancora una volta, la normalità in Afghanistan. Dopo alcuni anni di stabilizzazione, apparente, il riaccendersi delle scontro tribale e l’avanzata costante dei talebani ...

Leggi Articolo »

La resa dei conti tra le forze governative irachene ed i Peshmerga

E’ resa dei conti tra le forze governative irachene ed i Peshmerga curdi nella zona nord dell’Iraq. Ora che le forze governative sono entrate a Kirkuk, città da tempo al centro del conflitto tra l’esercito di Baghdad e i curdi che rispondono al governo regionale di Erbil, area dove gli stessi Peshmerga  hanno messo in fuga i gruppi jihadisti legati ...

Leggi Articolo »

La riflessione – L’attenzione ai poveri, ai lavoratori, l’equa distribuzione del lavoro.

Il secolo XIX è il secolo della “rivoluzione industriale” e, conseguentemente, il secolo della “questione sociale”. In un’epoca in cui, progresso, libertà, benessere erano assunti a veri e proprii miti, la classe “proletaria”, artefice indispensabile dell’industrializzazione, stava diventando la vittima di un’ingiustizia sociale che portava sofferenze e umiliazioni inenarrabili. Si ripetevano le condizioni di schiavitù della Grecia e di Roma ...

Leggi Articolo »

La tomba a cielo aperto dei jihadisti di al Baghdadi

Calata l’attenzione mediatica dell’occidente su cosa accade in Siria e sulla fine ingloriosa dell’Isis. Dopo anni di pressione internazionale, sembra quasi non interessare più a nessuno cosa si sta verificando nelle ultime settimane in Siria.Ultimo baluardo da difendere, fino all’estremo sacrificio, per l’Isis è la città di Raqqa. Quella che una volta era la capitale del califfato imposto dai jihadisti ...

Leggi Articolo »

La ‘transumanza’ dei senza gloria.

Verrebbe da sorridere se non fosse che la questione è tanto seria che viceversa si dovrebbe piangere. La politica in Italia è una vera e propria barzelletta, la cosa più grave però è che i cittadini accettano in modo supino ogni cambiamento, anche quelli del tutto radicali, di idee e di appartenenza, e smarriscono la memoria quando poi si trovano ...

Leggi Articolo »