Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

L’opinione

In Afghanistan a morire sono i civili.

E’ una terra lontana, troppo lontana dall’Europa. Probabilmente è questo, insieme al fatto che da troppi anni, e per troppi anni, nel linguaggio comune abbiamo imparato i termini talebani, terrorismo, morti. Afghanistan. Dunque non fa più notizia cosa accade a Kabul. A tre anni o poco più dalla conclusione della missione internazionale Resolut Support, che ha visto impegnati in Afghanistan ...

Leggi Articolo »

Ghouta, l’ultimo cimitero a cielo aperto di una guerra senza fine.

E’ Ghouta, ad est di Damasco, l’ultimo cimitero a cielo aperto di una guerra senza fine. La Siria, un luogo dove il tanfo della morte ti arriva alle narici che nel frattempo si sono riempite della polvere acre del calcestruzzo frantumato sotto la forza delle bombe. Tra le macerie, tra gli spettri degli edifici devastati, si muovo i soccorritori, smarriti ...

Leggi Articolo »

Elezioni politiche del 4 marzo. Magari è ora di parlare di programmi.

Una pessima campagna elettorale per le politiche del prossimo 4 marzo. Partiti e leader politici impegnati a denigrarsi piuttosto che spiegare agli elettori come intendono cambiare il Paese. Dunque abbiamo deciso di approfondire i diversi programmi elettorali, quelli ufficiali, provando a mettere in relazione le diverse scelte per la risoluzione dei tanti problemi del Paese. Centrale per il paese rimane ...

Leggi Articolo »

Missione dei militari italiani in Niger ad alto rischio.

Parte con difficoltà la missione dei militari italiani in Niger. Secondo quanto riferisce l’emittente Radio France Internationale, che cita le dichiarazioni di diverse fonti anonime interne al governo di Niamey, le autorità del paese africano hanno già informato il governo italiano di non essere d’accordo con tale missione. Il Niger insomma non è stato informato ufficialmente dall’Italia riguardo la prossima missione militare nel ...

Leggi Articolo »

La Crimea, il tallone d’Achille di Putin.

Molti magari non crederanno a ciò che accade in Crimea. Provate ad immaginare a scuola, una lezione a 100 bambini, il più piccolo 12 anni, su come disinnescare e innescare mine antiuomo. Accade anche questo. Militari dell’esercito russo hanno tenuto una lezione a 100 bambini spiegando che il loro solo obiettivo è Invogliarli a diventare ingegneri militari. I soldati russi ...

Leggi Articolo »

Esiste una speranza per il popolo dei rohingya.

Esiste una speranza per il popolo dei rohingya. Il Myanmar e il Bangladesh hanno raggiunto un accordo per rimpatriare i profughi. Il ritorno dei rifugiati rohingya appartenenti alla minoranza musulmana birmana verrà scaglionato nel periodo di almeno due anni. In realtà il tutto non è chiaro, tant’è che nel testo dell’accordo non è stata fissata una data ultima. L’intesa prevede ...

Leggi Articolo »

Le malelingue. I peggiori sono coloro che non appaiono.

Lo dice sempre il mio amico Vittorio, lui che ha grande esperienza di vita e politica, che i peggiori “sono quelli che si nascondono”. Quelli che utilizzano gli altri, li manipolano. Insomma, i peggiori sono coloro che non appaiono e se lo fanno, magari ti mostrano anche stima ed “amicizia”. In realtà, nel mentre, agiscono sotto traccia, fomentano, spargono il ...

Leggi Articolo »

L’ immeritata follia della modernità

Gott ist tot “Dio è morto” sentenziava Nietzsche dapprima nella Gaia Scienza, poi nella su opera più celebre Cosi parlò Zarathustra; nuove tecnologie, substrato del positivismo, unite ad innovazioni scientifiche, da esso derivanti, hanno contribuito alla distruzione ed alla deistituzionalizzazinne de facto di quell’intero apparato di ideologie e di valori che per molti secoli seguitarono la civiltà dell’ Occidente. Materialismo ...

Leggi Articolo »

La guerra dell’Isis ad Hamas nel Sinai.

Non è conclusa la guerra all’Isis, ora che tensioni stanno interessando aree come la Tunisia e l’Egitto. I jiadisti Isis nella provincia egiziana del Sinai hanno dichiarato guerra al gruppo islamico palestinese Hamas, una mossa che potrebbe complicare ulteriormente la già instabile situazione di sicurezza nell’Egitto orientale. Alcuni osservatori considerano il gruppo Wilayat Sinai come il braccio internazionale più forte ...

Leggi Articolo »

La storia di “Gennaro”, Abdul Rasool. L’Italia che ci piace.

La vita per coloro che collaborano con le forze della coalizione internazionale, in Afghanistan, vale nulla, molto meno di un proiettile di Kalashnikov. Lo sanno bene gli interpreti, le guide, i collaboratori che per anni hanno dato il loro prezioso aiuto ai militari dei vari contingenti che si sono succeduti in Afghanistan. Al servizio dei soldati americani, ma anche quelli ...

Leggi Articolo »