Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

L’opinione

L’ immeritata follia della modernità

Gott ist tot “Dio è morto” sentenziava Nietzsche dapprima nella Gaia Scienza, poi nella su opera più celebre Cosi parlò Zarathustra; nuove tecnologie, substrato del positivismo, unite ad innovazioni scientifiche, da esso derivanti, hanno contribuito alla distruzione ed alla deistituzionalizzazinne de facto di quell’intero apparato di ideologie e di valori che per molti secoli seguitarono la civiltà dell’ Occidente. Materialismo ...

Leggi Articolo »

La guerra dell’Isis ad Hamas nel Sinai.

Non è conclusa la guerra all’Isis, ora che tensioni stanno interessando aree come la Tunisia e l’Egitto. I jiadisti Isis nella provincia egiziana del Sinai hanno dichiarato guerra al gruppo islamico palestinese Hamas, una mossa che potrebbe complicare ulteriormente la già instabile situazione di sicurezza nell’Egitto orientale. Alcuni osservatori considerano il gruppo Wilayat Sinai come il braccio internazionale più forte ...

Leggi Articolo »

La storia di “Gennaro”, Abdul Rasool. L’Italia che ci piace.

La vita per coloro che collaborano con le forze della coalizione internazionale, in Afghanistan, vale nulla, molto meno di un proiettile di Kalashnikov. Lo sanno bene gli interpreti, le guide, i collaboratori che per anni hanno dato il loro prezioso aiuto ai militari dei vari contingenti che si sono succeduti in Afghanistan. Al servizio dei soldati americani, ma anche quelli ...

Leggi Articolo »

La storia delle “donne di conforto” ai tempi della guerra.

Le schiave del sesso, non sono un’invenzione dei jiadisti Isis. C’è stato un tempo dove le donne, definite “donne di conforto”, durante la Seconda Guerra mondiale, venivano “usate” nei bordelli militari dell’Armata imperiale nipponica. Erano tutte donne della Corea del Sud. Tra i due paesi si aprì uan vera e propria disputa sulla questione, a guerra terminata. Gli storici hanno ...

Leggi Articolo »

Tutti insieme, in rigoroso ordine sparso. La lezione di Brancaleone.

Il Vallo di Diano e la politica, troppo spesso, probabilmente sempre, percorrono strade diverse. Troppi anni sono trascorsi da quando l’autorevolezza di personalità del calibro di Enrico Quaranta o Domenico Pica mettevano d’accordo praticamente tutti, superando anche i confini dell’appartenenza ideologica e partitica. Senza dimenticare il Senatore Pinto o magari il Senatore Innamorato; altra storia per quella botta di fortuna ...

Leggi Articolo »

I tweet di Trump e la frizione con Islamabad

La strategia della Casa Bianca in tema di politica estera, dopo un anno di presidenza Trump rimane davvero una grossa incognita. Costantemente vengono messi in discussione rapporti consolidati e giorno dopo giorno si aprono fronti diplomatici di discussione che al momento rimangono incomprensibili nelle cancellerie del mondo. L’altalena di rapporti con Mosca amplifica le situazioni di scontro politico con Damasco, ...

Leggi Articolo »

Il ritorno del movimento di liberazione della Palestina

Gerusalemme – In occasione del 53esimo anniversario della costituzione del Fatah, il movimento di liberazione della Palestina, Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese ha reso visita a Ramallah alla tomba di Yasser Arafat. Intanto il capo della delegazione palestinese negli Stati Uniti, Husam Zomlot, è stato richiamato per consultazioni. Sono le conseguenze scatenate dal presidente Trump sulla questione Gerusalemme, oltre ...

Leggi Articolo »

Il Mondo nel 2018. La riflessione di fine anno di Michael Giffoni.

Ci ritroviamo ora a fine anno e la domanda d’obbligo è questa: “A cosa somiglierà il 2018 dal punto di vista delle relazioni internazionali? Ci sarà più guerra o più pace? Più conflitto o più cooperazione?” A prima vista, per ora sembra difficile, se non impossibile, parlare di distensione in un mondo che appare quasi dappertutto in una fase di ...

Leggi Articolo »

La tratta degli esseri umani nella silenziosa Serbia.

Esiste un corridoio, un varco, che porta al cuore dell’Europa. Un varco dove non esistono regole, dove però almeno non si rischia di morire annegati nel Mediterraneo. E’ la Serbia, porta ad oriente dell’Europa tanto desiderata da milioni di profughi che scappano da guerre e carestie. Il paese balcanico dove tutto o quasi è ancora possibile, al momento conta almeno ...

Leggi Articolo »

Il sogno tradito di un’indipendenza promessa da secoli.

Nel nord dell’Iraq, nella regione del Kurdistan iracheno, non si rinuncia all’indipendenza. Sono trascorsi due mesi da quando il sogno indipendente della regione è stato stroncato dal governo di Baghdad sotto la spinta dello storico nemico turco e soprattutto dopo il passo indietro degli americani che non hanno sostenuto l’impegno assunto verso i Peshmerga, impiegati per oltre due anni sulla ...

Leggi Articolo »