Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

“Caselle in pasta”, la scommessa di Alessio e Maria Antonietta

di Lorenzo Peluso.

A Caselle in Pittari, nel Cilento, su punta tutto sulla pasta. Nasce una nuova iniziativa imprenditoriale frutto dell’impegno di due giovani che hanno deciso di restare. Di non andare. Si punta sull’enogastronomia di qualità. La pasta, il grano. “Caselle in pasta”. E’ questo il nome dell’attività imprenditoriale che sarà inaugurata sabato primo aprile alle ore 19.00 in Via Nazionale. La pasta, dunque, prodotto di punta della Dieta Mediterranea, al centro del percorso di valorizzazione intrapreso da anni dalla comunità di Caselle in Pittari attraverso la riscoperta del grano, gli antichi grani. Alessio e Maria Antonietta scommettono quindi sul passato per creare futuro. “Caselle in pasta” è un innovativo laboratorio artigianale che produce pasta fresca. la farina, l’acqua. Le uova. Semplici ingredienti della tradizione per trasformare materie prime di eccellenza in un prodotto unico. Un viaggio sensoriale nel gusto e nella storia. La riscoperta della tradizione gastronomica cilentana che darà a chi vorrà assaggiare l’esperienza di un viaggio tra cultura contadina ed innovazione. “Non vogliamo lasciare la nostra terra. E’ qui che vogliamo costruire il nostro futuro” così dice Maria Antonietta guardando negli occhi Alessio che nel frattempo è alle prese con i ravioli di ricotta. “Vogliamo dare vita ai tanti prodotti della nostra terra, i funghi, le verdure di stagione. insomma vogliamo scommettere sulla terra e sulle sue eccellenze. E’ questo per noi il modo per restare al Sud. Questa la scommessa che vogliamo vincere” aggiunge Alessio. La terra, la pasta, il Cilento. Anche questo è futuro.