Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Casal Velino. La start up Farzati Tech vola in Australia

di Antonella D'Alto

La start up cilentana Farzati Tech vola in Australia su invito del Consolato Italiano a Melbourne, per partecipare all’Italian Innovation Day e per il Seeds&Chips Global Table, il più grande evento di agrifood business dell’Asia-Pacifico. La Farzati Tech, startup del gruppo aziendale cilentano impegnato nel settore dell’Hi Tech innovation, è stata scelta insieme ad altre 7 società italiane, per partecipare a questi importanti eventi di settore previsti in Australia.  L’Italian Innovation Day è in programma a Melbourne il 3 settembre, mentre il Global Table, che si terrà sempre a Melbourne dal 3 al 6 settembre, è l’evento di Seeds&Chips che riunisce alcuni dei più importanti operatori internazionali dell’agrifood, tra cui istituzioni, enti ricerca, imprese e startup, per cercare di trovare delle soluzioni alle più grandi sfide alimentari del momento attraverso le proposte più innovative per il futuro. Il Global Table si preannuncia dunque come il più grande evento di agrifood business e di food innovation dell’Asia-Pacifico per il 2019. L’Italian Innovation Day, evento voluto ed organizzato dal Consolato italiano a Melbourne, vuole a sua volta fornire alle startup italiane selezionate un’ulteriore opportunità per sviluppare occasioni di connessioni scientifiche in Australia.  Farzati Tech presenterà, al Global Table e agli eventi programmati, la tecnologia BluDev, il sistema di tracciabilità già premiato al Global Food Innovation di Seeds & Chips a Milano nel maggio scorso e presentato ufficialmente il 9 luglio a Roma insieme alla Fondazione Univerde e all’Università La Sapienza. Nella 4 giorni di Melbourne Farzati Tech parteciperà anche alla challenge competition che vedrà impegnate le più innovative startup internazionali che partecipano al Global Table. Un altro successo per la startup di Casal Velino e per il BluDev, che per l’innovazione apportata nel campo della tracciabilità e della certificazione dell’origine dei prodotti alimentari, fa conoscere il territorio cilentano in tutto il mondo.