Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Campania, Mortaruolo propone la modifica dell’articolo 11 della legge elettorale

redazione

“Ieri pomeriggio ho presentato alla Segreteria Generale del Consiglio regionale della Campania la mia proposta di modifica della legge elettorale che punta a una maggiore rappresentanza e rappresentatività delle aree interne. Tema questo che mi sta particolarmente a cuore perché il criterio demografico non può essere la stella polare per ciò che concerne la legge elettorale regionale altrimenti andremo col tempo a non avere una rappresentanza delle aree interne”. Ad annunciarlo è il consigliere regionale e vicepresidente della Commissione Agricoltura della Campania, Erasmo Mortaruolo. Spiega Mortaruolo: “La mia proposta di legge punta a una revisione dell’articolo 11 della legge elettorale in vigore prevedendo un minimo di tre seggi da attribuire a ogni singola provincia nel rispetto dell’alternanza di genere. Tra gli obiettivi c’è quindi la valorizzazione della pluralità, il potenziamento della rappresentanza e l’effettiva rappresentatività dei componenti del Consiglio regionale. Non possono prescindere dall’esigenza di garantire effettiva rappresentanza a quei territori comunemente definiti aree interne, come il mio Sannio, che sono demograficamente più deboli e geograficamente più distanti dal capoluogo di regione. Ed è per questo che ho fatto appello a tutte le forze politiche presenti in Consiglio, alla deputazione parlamentare, ai Vescovi, al Presidente della Provincia, al mondo associazionistico, alle parti sociali e ai cittadini a sostenere questo progetto che punta alla costruzione di un sentimento civico nuovo verso un Consiglio regionale più vicino ai territori grazie al quale sarà possibile aumentare l’efficacia delle scelte politiche e legislative intraprese. Ovviamente è mia intenzione promuovere azioni incardinate sull’ascolto del territorio, a tutti i livelli”. Conclude Mortaruolo: “Quello che ho registrato in queste settimane è il sostegno e la vicinanza di tanti cittadini e in particolare dei giovani che mi hanno spronato a portare avanti con tenacia questa battaglia che è di civiltà, di diritti e di futuro per la nostra regione. E ho accolto con grande piacere l’entusiasmo del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca quando molto tempo fa gli anticipai questa mia intenzione di voler rendere più forte la voce di un territorio che nei prossimi anni rischierà l’afonia per la mancanza di rappresentanti. Così come ringrazio l’Arcivescovo di Benevento Mons. Felice Accrocca, che ho incontrato personalmente qualche giorno fa e il Cardinale Crescenzio Sepe che mi ha voluto inviare un messaggio nel quale parla di ragionamento legittimo e meritevole di approfondimento nonché di incoraggiamento. La sua è testimonianza di responsabilità e sensibilità civica, per la quale pone una questione non di parte ma oggettiva, perchè in buona sostanza investe tutta la comunità del territorio e non solo. E da Presidente della Conferenza episcopale campana mi assicurato che si farà carico di portare la problematica nella prima seduta dell’organismo. Un bel messaggio per una battaglia comune”.