Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Assistenza ai disabili. Audizioni in quarta Commissione in Regione Basilicata.

redazione

Potenza – Le problematiche occupazionali dell’Aias di Potenza ed i problemi riguardanti l’assistenza specialistica agli studenti disabili nelle scuole superiori del Materano al centro delle audizioni svolte ieri nella quarta Commissione consiliare permanente della Basilicata, presieduta da Vito Giuzio (Pd). Ad essere ascoltate Luciana Bellitti e Maria Errichetti della Fials (Federazione Italiana Autonomie Locali e Sanità) e Giuseppe Tataranno dell’Anffas (Associazione nazionale famiglie di persone con disabilità) di Policoro. Bellitti ed Errichetti hanno parlato della vertenza che si trascina da anni all’Aias Onlus di Potenza, “con una serie di accordi presi e mai rispettati tra Asp, Regione e Aias, l’aumento della dimissione di pazienti da parte dell’Aias, la consistente riduzione delle linee di terapia, la diminuzione del tetto di spesa e il ritardo dei pagamenti da parte dell’Asp, elementi che hanno comportato un sempre crescente squilibrio economico e finanziario e la riduzione delle attività della Onlus”. Il presenza di questa situazione l’Aias – hanno spiegato – non può continuare a mantenere tutti i 140 lavoratori (30 nel Metapontino e 110 in provincia di Potenza) attualmente in servizio. In particolare, le rappresentanti della Fials lamentano la sussistenza di contenziosi con le vecchie Asl per i trattamenti autorizzati, effettuati e mai pagati nel 2015/2016, dell’importo di circa 1,2 milioni di euro. “La Regione Basilicata, resasi conto della situazione, si era impegnata a sbloccare le risorse a partire dal 2016 – hanno detto -, ma nonostante questo ad oggi la situazione non è mutata. Come Fials – ha detto Bellitti – per evitare i licenziamenti, abbiamo chiesto all’Aias la possibilità di ridurre, per un periodo di tempo, l’orario di lavoro di tutti i dipendenti in relazione ad una possibile risoluzione positiva”. Nel breve dibattito che è seguito sono intervenuti i consiglieri Galante, Mollica, Napoli e il presidente Giuzio, che raccogliendo l’orientamento dei consiglieri ha chiesto alle rappresentanti del sindacato di predisporre un documento che riassuma i termini della vicenda, impegnandosi a chiedere che l’Asp e il Dipartimento Salute forniscano le informazioni e la documentazione in loro possesso.