Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Allerta meteo per forti gelate in Campania. Scuole aperte

redazione

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un avviso di criticità meteo (verde) per vento e mare, nevicate e gelate dalla mezzanotte di ieri e per tutta la giornata di oggi. L’avviso riporta vento forte e a tratti molto forte persistente sull’intero territorio regionale a partire dalla mezzanotte e per l’intera giornata di domani 23 febbraio. E’ previsto un significativo abbassamento generalizzato delle temperature con diminuzione anche di 8-10 gradi e conseguenti nevicate e gelate nelle zone interne e montuose. Considerata la posizione e la latitudine del territorio di Pozzuoli, i fenomeni che più facilmente potranno attendersi sul territorio saranno il vento, anche a raffiche, e le mareggiate. Di conseguenza si invitano i cittadini a seguire le norme di comportamento e di auto protezione indicate per questa tipologia di eventi anche sul sito istituzionale del Dipartimento della Protezione Civile. In particolare, con le raffiche di vento è opportuno evitare le zone esposte, parchi, aree verdi, cimitero e strade alberate facendo attenzione al possibile distacco di rami e oggetti esposti o sospesi. Stessa attenzione va riservata alla guida dei veicoli, cercando di moderare la velocità e facendo particolare attenzione nei tratti stradali esposti, come quelli all’uscita dalle gallerie e nei viadotti. In generale, sono particolarmente a rischio tutte le strutture mobili, specie quelle che prevedono la presenza di teli o tendoni, come impalcature, gazebo, strutture espositive o commerciali temporanee all’aperto, delle quali devono essere testate la tenuta e le assicurazioni. Il Comune resterà in costante comunicazione con la Sala operativa e il Centro Funzionale della protezione Civile, che seguiranno l’evolversi dei fenomeni in modalità h24, adottando, ove necessario, ulteriori provvedimenti a tutela della sicurezza e dell’incolumità dei cittadini. Le scuole resteranno aperte.