Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Alimentazione, jogging in testa tra le attivita’ sportive

redazione

Tra il pranzo di Pasqua, la grigliata di Pasquetta e le uscite con gli amici per il ponte del Primo Maggio, il bilancio sarà implacabile: secondo gli esperti c’è il forte rischio che gli italiani mettano su dai 2 ai 3 chili (41%). Proprio per questo motivo è utile tenersi in forma e, complice l’arrivo della bella stagione primaverile, perché non farlo con delle corse all’aperto (47%), da soli o in compagnia? Per nutrizionisti e personal trainer il suggerimento più importante da tenere a mente è una corretta idratazione (82%) perché aiuta persino a raggiungere migliori prestazioni e non incorrere in ‘infortuni’ di tipo fisico (52%) oltre che per recuperare liquidi e sali minerali persi (26%) e mantenere nella norma la temperatura corporea (22%).  E’ quanto emerge da uno studio di In a Bottle, condotto su un panel di oltre 50 esperti tra nutrizionisti e personal trainer per sondare quali siano i consigli per una corretta idratazione durante l’attività fisica. “Una sana alimentazione e idratazione – dichiara Luca Piretta, gastroenterologo e nutrizionista presso l’Università Campus Biomedico di Roma – sono le basi per non avere ‘infortuni’ a livello fisico. Una buona soluzione, quindi, può essere quella di seguire un corretto apporto di carboidrati, proteine e acqua. Su quest’ultima, però, serve fare un passo indietro perché già a tavola se ne deve assumere la giusta quantità per fare in modo che tutte le reazioni chimiche che avvengono all’interno degli organi coinvolti, come ossa e muscoli, possano trarne beneficio. Un organismo ben idratato, poi, è la base per un corretto svolgimento dell’attività fisica. In questo caso è consigliabile bere prima e durante, soprattutto se si svolgono attività fisiche in presenza di calore”.