Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Alcol, in Italia 8,6 milioni di consumatori.

redazione

Non diminuiscono in Italia bevitori a rischio: sono circa 8,6 milioni (23 % circa dei maschi e il 9 % delle femmine) tra i quali oltre 2,7 milioni di anziani e 700.000 minori (in particolare aumento tra le ragazze). Questi i nuovi dati diffusi oggi dall’Osservatorio Nazionale Alcol dell’Istituto Superiore di Sanità, contenuti nella Relazione al Parlamento del ministro della Salute, nel corso dell’Alcohol Prevention Day 2019. Diminuiscono invece gli astemi e crescono complessivamente i consumatori (poco oltre il 65%), specie occasionali (45% circa) e fuori pasto (30% circa) e non diminuiscono i consumi medi pro-capite (7,5 litri anno che diventano 12 litri se riferiti esclusivamente a chi dichiara di consumare, 16 lt per i maschi, 5,7 per le femmine). Non si arresta la tendenza al bere sino ad ubriacarsi che caratterizza il 12% circa della popolazione maschile e il 3,5% di quella femminile, con circa 4 milioni di binge drinkers e 39.000 accessi registrati in Pronto Soccorso per intossicazione etilica. Diminuiti dallo scorso anno gli alcoldipendenti in carico ai servizi, circa 68.000, meno degli attesi, il 27% sono nuovi utenti. Restano invariati, ma lo sono da anni, i 17.000 decessi annuali totalmente e parzialmente legati all’alcol con mortalità da alcol in aumento nel 2016 per cirrosi epatica (5209 decessi), che riconosce nell’alcol la causa di oltre il 67% dei casi spiazzando la causa virale, e massima per il cancro (7852 decessi stimati)