Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Albania sull’orlo del baratro. Proteste a Tirana: Parlamento accerchiato

redazione

Migliaia di sostenitori dell’opposizione albanese hanno circondato oggi il palazzo del Parlamento a Tirana, accusando il governo di corruzione e legami con il crimine organizzato, e chiedendone le dimissioni. Centinaia di poliziotti sono stati posti a protezione del Parlamento, mentre la sessione di lavoro odierna è stata cancellata. I deputati di opposizione, guidati dal Partito Democratico di centro-destra di Lulzim Basha, hanno firmato lettere di dimissioni dal parlamento e chiedono elezioni anticipate. I loro sostenitori si sono riuniti davanti al palazzo dell’Assemblea nazionale con manifesti e slogan anti-governativi. Il primo ministro Edi Rama, 54 anni, ha iniziato nel 2017 il suo secondo mandato alla guida del governo, dopo che il suo Partito socialista ha ottenuto 78 dei 140 seggi del Parlamento. Il Partito Democratico, insieme con i suoi alleati, detiene invece 44 seggi e accusa il governo di avere “manipolato i risultati delle politiche”.