Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Al Sud non serve il reddito di cittadinanza, ma investimenti a favore di chi rischia.

di Lorenzo Peluso.

Quale futuro per il Sud? Cosa sarà il Mezzogiorno tra 50 anni? Difficile dirlo, immaginare cosa potrà essere il Sud del nostro Paese se non si arresta l’emigrazione di massa dei giovani talenti. Se negli anni successivi al Secondo dopoguerra i flussi migratori verso le regioni centro settentrionali erano prevalentemente costituiti da manodopera proveniente dalle aree rurali del Mezzogiorno, nell’ultimo decennio mediamente il 70% delle migrazioni dalle regioni meridionali e insulari verso il Centro-Nord sono state caratterizzate da un livello di istruzione medio-alto. Lo si legge nel Rapporto Italiani nel Mondo della Fondazione Migrantes. Sono numeri che fanno paura, e devono far paura a chi si propone quale classe dirigente nele regioni del Sud. “Per effetto dei trasferimenti verso il Centro-Nord, si contano circa 220.000 laureati in meno tra i residenti del Mezzogiorno, senza considerare la crescente quota di pendolari di medio e lungo raggio – ha commentato il direttore generale delal BCC di Buonabitacolo, Angelo De Luca –  Il fenomeno ha assunto connotazioni preoccupanti, soprattutto se si considera che nel 2017 ben il 27% dei migranti totali da Sud a Nord erano laureati rispetto al solo 5% nel 1980 e che nel 2017 circa il 40% dei residenti al Meridione iscritti presso un corso di laurea magistrale, si è spostato presso un ateneo del Centro-Nord. Tuttavia, basta guardare con attenzione a cosa accade nelle nostre famiglie, per comprendere il fenomeno. I nostri figli, studiano, poi partono. Le loro competenze vengono sottratte al futuro del nostro territorio. Sia chiaro, io credo che sia necessario l’esperienza, dunque è necessario spostarsi, conoscere il mondo e vivere realtà diversivicate sia sotto il provilo sociale che culturale, oltre che economico. Occorre però realizzare le condizioni per il ritorno dei nostri ragazzi; insomma offrirgli la possibilità di tornare e realizzare i loro progetti, proprio qui dove vi è necessità di idee ed innovazione” ha aggiunto De Luca. Nel dettaglio, svogliando i numeri del Rapporto Italiani nel Mondo, si comprende come sia radicalmente mutata la struttura qualitativa del migrante tipo: se negli anni del Secondo dopoguerra a migrare era soprattutto giovane manodopera proveniente dalle aree rurali del Mezzogiorno, oggi va aumentando il numero dei laureati e degli studenti universitari (immatricolati fuori regione) che si spostano dalle regioni meridionali e insulari, verso le regioni del Centro e del Nord del Paese. Misurare l’impatto della migrazione intellettuale sui territori di origine e destinazione rimane comunque una sfida aperta e un promettente filone di ricerca. Nonostante siano numerosi gli studi che abbiano approfondito la tematica delle determinanti della scelta migratoria, ben pochi sono quelli che, soprattutto per il caso italiano, si siano cimentati nel più complesso campo di indagine che ha a che fare con la misurazione dell’impatto economico di questa importante categoria di migranti. “Mi appassiona l’analisi dello Svimez che propone una chiave di lettura, forse poco battuta nella letteratura, relativa alla contabilizzazione delle esternalità positive non recuperabili a seguito degli investimenti pubblici nel campo dell’istruzione. Secondo questa stima, il Mezzogiorno disperderebbe un investimento pubblico pari a circa 1,9 miliardi annuo se consideriamo il solo flusso verso il Centro-Nord, quasi 3 miliardi considerando anche l’emigrazione dei laureati meridionali verso l’estero. Conseguenza di tutto ciò è che i costi netti della emigrazione intellettuale risultano essere particolarmente gravi. Inutile dirlo, in verità sono anni che lo ripeto: solo attraverso l’attivazione di una politica in grado di essere attrattiva per le giovani generazioni di laureati sarà possibile invertire la rotta e tracciare un futuro di sviluppo per il Mezzogiorno. L’alternativa a tutto questo è il costante declino culturale, economico e sociale del Sud. Non possiamo consentirlo e non dobbiamo arrenderci, questo è chiaro. Dobbiamo pretendere attenzione per questi temi dalla politica; dobbiamo alzare la voce e fare massa critica sulla politica. Non ci serve il reddito di cittadinanza al Sud, abbiamo necessità di investimenti a favore di chi rischia, di chi ci prova, di chi mette in circolo idee ed impresa” ha concluso il direttore generale delal BCC di Buonabotacolo, Angelo De Luca.