Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Agricoltura – Assitol rilanciare la cultura dell’olio

redazione

In occasione di OlioOfficina Festival, l’Associazione che rappresenta le aziende industriali del settore, ricorda l’importanza di questo straordinario alimento. Per il presidente Zucchi “assaggiare oli diversi è il modo migliore per valorizzarli. Riscopriamo pane fresco e olio extravergine, un modo salutare per fare merenda a tutte le età”. Rilanciare la cultura dell’olio, riscoprendone il valore in cucina e nella dieta. E’ questo l’auspicio di ASSITOL, Associazione italiana dell’industria olearia, in occasione di OlioOfficina Festival, la grande manifestazione dedicata al mondo oleario, che si tiene in questi giorni a Milano. “L’extravergine è un prodotto insostituibile – spiega Giovanni Zucchi, presidente dell’associazione – ma spesso considerato alla stregua di un condimento qualsiasi. Lo diamo per scontato sulle nostre tavole, ma il suo impiego è tutt’altro che banale. Una manifestazione come OlioOfficina Festival, che affronta l’universo oleario a tutto tondo, ci consente di ridare valore all’intera famiglia degli oli, sia d’oliva sia di semi”. Molti dei grandi marchi italiani del settore, rappresentati da ASSITOL, parteciperanno agli eventi culturali, alle degustazioni e ai seminari scientifici previsti nell’ambito del festival. In tal senso, ASSITOL ribadisce l’importanza di sperimentare i tanti oli prodotti da aziende nazionali, diversi per provenienza e sapore. “Assaggiare prodotti differenti – osserva Zucchi – è il modo migliore per capire l’olio e valorizzarlo a tavola, accostando a ogni piatto l’olio più adatto. Inoltre, suggerisce il presidente degli industriali, “consigliamo di riscoprire un vecchio modo di fare merenda, salutare e adatto a tutte le età: pane fresco e olio extravergine”.