Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Afghanistan – Un terzo della popolazione ha bisogno di aiuti umanitari

redazione

Almeno un terzo della popolazione afghana, ossia 9,3 milioni di persone, avrà bisogno quest’anno di assistenza umanitaria. Lo rivela un rapporto Onu sottolineando che questa cifra è in aumento del 13% rispetto al passato a causa della “estensione geografica e inasprimento del conflitto”. L’allarme è stato lanciato anche perché -si dice-migliaia di bambini stanno morendo di fame, e un numero enorme di persone sono costrette ad abbandonare le loro case.Solo nello scorso novembre esse sono state 500.000.  Intanto una media di 70 persone sono morte o sono rimaste ferite quotidianamente negli ultimi cinque mesi in Afghanistan, con un importante picco in ottobre. Lo riferisce l’agenzia di stampa Pajhwok, precisando che questo bilancio è andato via via attenuandosi con la fine della stagione dei combattimenti causata dal duro inverno afghano. Secondo un rapporto preparato dall’agenzia sulla base di differenti fonti, 5.887 persone sono state uccise e 4.410 hanno riportato ferite in 777 attacchi realizzati negli ultimi cinque mesi del 2016. Metà di questi attacchi sono avvenuti in solo sei delle 34 province afghane: Nangarhar, Helmand, Kandahar, Faryab, Kabul e Farah. Infine il rapporto segnala che la maggior parte delle vittime sono state causate da scontri ravvicinati e da bombardamenti aerei o di artiglieria. L’escalation della pressione talebana (di cui AD si è occupata anche nei giorni scorsi con dati aggiornati sulle perdite alleate)  sta costringendo le forze alleate dell’Operazione Resolute Support (che ha compiti di addestramento, assistenza e consulenza per le forze di sicurezza afghane) a tornare sempre più spesso a operare in prima linea in appoggio alle truppe afghane.