Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Afghanistan – I talebani hanno rivendicato l’attentato costato la vita al capo della polizia, il generale Abdul Raziq

redazione

Kabul – L’uccisione di un alto funzionario afgano non modificherà sostanzialmente la sicurezza della situazione nella provincia di Kandahar. Lo ha affermato il segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Jim Mattis. I talebani hanno rivendicato la sparatoria di giovedì nella provincia meridionale costata la vita al capo della polizia, il generale Abdul Raziq. Una delle personalità più attive nella lotta contro i talebani. Almeno altre due persone hanno perso la vita nell’attacco all’interno del compound fortificato nella città di Kandahar, che ha preso di mira un vertice sulla sicurezza di alto livello. Era presente anche il principale comandante delle forze statunitensi e della Nato, il generale Scott Miller, che è uscito illeso. Mattis ha affermato che la morte di Raziq non cambierà la situazione sul terreno a Kandahar. “Ho visto i funzionari intorno a lui. Ho visto la maturazione delle forze di sicurezza afgane”, ha detto Mattis ai giornalisti a margine di un vertice di sicurezza a Singapore, “Per l’Afghanistan la tragica perdita di un patriota. Ma non penso che avrà un effetto a lungo termine sulla nostra area”. È anche presto, ha aggiunto il capo del Pentagono, se l’assalto influenzerà l’affluenza alle elezioni parlamentari del 20 ottobre.